Affondo della giornalista Ilaria D’Amico contro il governo sulla gestione della seconda ondata: “Incapacità e errori”

Ilaria D'Amico contro il governo: "Incapacità ed errori"
Ilaria D’Amico

Si ingrossa sempre più la schiera di chi è scontento della gestione della seconda ondata dell’epidemia di Covid da parte del governo. L’ultima in ordine di tempo a denunciarne errori ed incapacità è stata la ex primadonna delle trasmissioni calcistiche della tv satellitare Sky, nonché attuale compagna di Gigi Buffon, Ilaria D’Amico che, nel corso del suo intervento a “L’aria che tira”, talk politico condotto da Myrta Merlino su La7, non le ha mandato certo a dire: “In questa seconda fase ci sono stati degli errori oggettivamente imperdonabili, incapacità e approssimazioni, i classici errori italici”.

LEGGI ANCHE –> Covid, vaccino Oxford-Irbm: ben tollerato negli anziani

“Incapacità ed errori”, Ilaria D’Amico contro il governo. Approvato il Decreto Legge “Ristori” ter

Non solo errori e approssimazioni, la giornalista, intervenuta in diretta a “L’aria che tira”, ha stigmatizzato anche un evidente deficit di interlocuzione tra i vari Ministeri, conditio sine qua non per elaborare un piano per arginare la seconda ondata dell’epidemia di Covid strutturato e coordinato: “Non si sono parlati tra Ministeri, non hanno messo in piedi un piano chiaro su trasporti, scuole e differenziazione degli orari di ingresso. Forse si poteva pensare di perdere una o due ore di didattica, rispetto a quello che sta succedendo sembra il minimo. Intanto via libera del Consiglio dei Ministri al Decreto Legge “Ristori” ter. Stanziamento di 1,95 miliardi per il 2020: in dettaglio, 1,45 miliardi per finanziare i contributi a fondo perduto per attività colpite dalle misure restrittive anti-Covid, 400 milioni ai sindaci per gli aiuti alimentari e 100 al Commissario all’Emergenza Domenico Arcuri per l’acquisto di farmaci. Definito anche il nuovo scostamento di bilancio che sarà sottoposto al voto del Senato mercoledì 25 e a quello della Camera giovedì 26. In entrambe le Camere è necessaria l’autorizzazione con maggioranza assoluta dei loro componenti.

LEGGI ANCHE –> Carlo Conti conduce dal vivo Tale e Quale show: “Sono negativo”