In vista della scadenza di fine novembre vediamo quali categorie possono usufruire del rinvio a fine aprile 2021 del versamento delle tasse

Tasse, a chi spetta il rinvio? Le nuove regole per professionisti e partita Iva

La deadline della scadenza fiscale, con l’acconto da versare a fine novembre, si avvicina inesorabilmente. La relativa proroga molto probabilmente entrerà nel Decreto Legge “Ristori” ter cui il governo sta lavorando in queste ore. Nel frattempo, il Decreto Legge “Ristori” bis ha allargato il parterre di coloro che potranno beneficiare del differimento fino al 30 aprile prossimo del versamento della seconda rata o dell’unica dell’acconto delle imposte sui redditi e dell’Irap per il 2020. Ad essere interessati dalla suindicata proroga sono i titolari di partita IVA, per i quali sono stati convalidati gli Indici Sintetici di Affidabilità Fiscale, che operano in zone rosse, nei comparti economici elencati nel Decreto “Ristori” bis, e in quelle arancioni limitatamente all’attività di gestione di ristoranti.

LEGGI ANCHE –> Covid, il 20% dei malati soffre di disturbi psichiatrici

Tasse,  a chi spetta il differimento a fine aprile? Le nuove regole per professionisti e partita IVA

Per i soggetti individuati dal Decreto Legge “Ristori” bis il rinvio viene accordato senza il rispetto di ulteriori requisiti rispetto a quello contemplato dal Decreto di agosto: la diminuzione di almeno il 33% del fatturato nel primo semestre del 2020 rispetto all’analogo intervallo di tempo dell’anno precedente. Di conseguenza sulla base dei requisiti previsti dal “Ristori” bis possono usufruire del differimento, purché abbiano il domicilio o la sede operativa in zona rossa, tra gli altri, alberghi, villaggi turistici, ristoranti, gelaterie, pasticcerie, palestre, piscine, impianti sportivi, cinema, taxi e trasporti di passeggeri. Esclusi dal godimento di tale misura di ristoro, tra gli altri, bar, catering, pasticcerie e gelaterie con attività limitata o sospesa in zona arancione per i quali, come per la quasi totalità degli artigiani e dei professionisti, anche se operanti in zona rossa, il termine rimane fissato a fine novembre.

LEGGI ANCHE –> COVID-19: Quanto dura veramente l’immunità degli anticorpi?