Il medico che sottopose a tampone i pazienti della RSA di Madonna dell’Arco non cambiava mai guanti e non igienizzava le mani

RSA Madonna dell'Arco, medico non si cambiava i guanti e non igienizzava le mani

Emergono nuovi sconcertanti particolari dall’inchiesta del portale TPI sulla RSA di Madonna dell’Arco, in provincia di Napoli, che getta un’ombra ancora più sinistra sulla truffa dei tamponi falsi in Campania: “Pensandoci bene, ci sono delle cose che non mi tornano sull’esecuzione dei tamponi durante quella terribile notte. Cose che mi sembrarono strane. Il medico inviato dall’Asl per l’esecuzione dei tamponi fece tutto in maniera frettolosa e leggera. Lui non  si cambiava mai i guanti e non si disinfettava le mani e il suo comportamento forse, oltre a mettere a rischio se stesso, ha messo a rischio tutti noi”, è la scioccante testimonianza del Priore della RSA di Madonna dell’Arco.

LEGGI ANCHE –> Ryan Reynolds racconta come è vivere tra quattro donne: “Non avrei mai immaginato”

RSA Madonna dell’Arco, medico non cambiava i guanti: in pericolo 100 anziani. Crisanti: “Bisognerebbe cambiare i guanti a ogni nuovo paziente”

Con 10 morti e 50 positivi la RSA di Madonna dell’Arco è stata tra i principali focolai campani durante la prima ondata dell’epidemia di Covid che ancora fustiga il nostro Paese. Nella notte tra il 22 e il 23 marzo scorsi il dr. Balbi, che attualmente è indagato nell’ambito dell’indagine sui tamponi falsi, effettuò i tamponi senza osservare il protocollo sanitario che impone l’igienizzazione delle mani e il cambio dei guanti dopo ogni tampone. Una prassi cui non si può derogare per nessun motivo come confermato, al portale TPI, dal virologo, nonché Ordinario di Microbiologia presso l’Università di Padova, Andrea Crisanti: “Di norma bisognerebbe cambiare guanti a ogni nuovo paziente perché potenzialmente i guanti si contaminano dovendo avvicinarsi alla bocca di una persona che potrebbe essere positiva. Quindi si devono indossare due paia di guanti: si fa il tampone, si mette il tampone nella provetta, poi si disinfettano i guanti con un gel disinfettante in modo da non contaminare i guanti quando si levano. Dopo ogni paziente si buttano i guanti esterni e si mette un altro paio di guanti esterni sopra quelli interni”.

LEGGI ANCHE –> Torino, gli chiudono il bar per una cliente seduta fuori: il titolare filma tutto-VIDEO