Cauto ottimismo del Ministro della Salute Roberto Speranza sull’efficacia delle ultime misure anti-Covid: “I prossimi 7-10 giorni saranno decisivi”

Covid, Speranza: "I prossimi giorni saranno decisivi"
Il Ministro della Salute Roberto Speranza

“Resto molto prudente ma gli esperti del Comitato Tecnico-scientifico ci dicono che la curva dei contagi si va stabilizzando. E’ ancora presto per dirlo ma ci sono valide ragioni per credere che le ultime misure comincino a dare qualche risultato, i prossimi 7-10 giorni saranno decisivi“. Così in un’intervista a “La Stampa” il Ministro della Salute Roberto Speranza che ha bollato come “discussione lunare” disquisire di come si potrà affrontare il Natale. Quanto alle vaccinazioni, “per quelle di massa dovremo aspettare il secondo semestre del 2021”, ha precisato il Ministro. Gli ha fatto eco il coordinatore del Comitato Tecnico-scientifico Agostino Miozzo: “Abbiamo davanti una maratona che non si concluderà il 25 dicembre ma molto più avanti. Se tutti insieme spegnessimo un po’ le luci delle aspettative, saremmo di grande aiuto al sistema e a quanti sperano di far ripartire la vita economica e sociale del Paese”. Miozzo, nell’intervista rilasciata al “Corriere della Sera”, ha evidenziato che “sembra che le nuove misure stiano dando qualche risultato“; infine ha ribadito la priorità della scuola, ambiente protetto e dove il rischio di ammalarsi di Covid è basso: tuttavia la Dad va utilizzata “per periodi limitati”.

LEGGI ANCHE –> Gerry Scotti torna a casa dopo il ricovero: “Non vi dimenticherò”

Covid, Speranza: “I prossimi 7-10 giorni saranno decisivi”. Arcuri: “Nessuna pressione sulle terapie intensive”

Il Commissario per l’Emergenza Covid Domenico Arcuri ha specificato che “non c’è” pressione sulle terapie intensive in questo momento. “In Germania a marzo c’erano 30.000 posti di terapia intensiva, 6 volte di più che in Italia dove erano 5.000. Al picco abbiamo avuto nel nostro Paese 7 mila pazienti in rianimazione, 2 mila più della totale capienza dei reparti. Oggi abbiamo 10.000 posti di terapia intensiva e arriveremo a 11.300 il mese prossimo e attualmente ci sono 3.300 ricoverati in terapia intensiva, quindi la pressione su questi reparti non c’è“, ha ribadito. Intanto, secondo i dati diffusi dal Ministero della Salute, in calo i nuovi casi di coronavirus accertati nelle ultime 24 ore: 27.354, contro i 33.979 del precedente monitoraggio, su un numero, però, inferiore di tamponi effettuati, 152.663 rispetto ai 195.275 di domenica. Ancora alto il totale di nuovi positivi in Lombardia, 4.128,e in Campania, 4.079.

LEGGI ANCHE –> Microsoft: “Attacchi hacker contro i produttori del vaccino COVID-19”