Alcune giovani, in provincia di Caltanissetta, sono state costrette a subire il vergognoso ricatto sessuale del loro datore di lavoro: “Fai sesso con me e continuerai a lavorare”

Caltanissetta, titolare di un bar: "Vieni a letto con me e continuerai a lavorare"

Più che un’offerta di lavoro una vera e propria “proposta indecente“. Nell’omonimo film hollywoodiano di qualche anno un affascinante miliardario, Robert Redford, offre 1 milione di dollari per una notte d’amore con la giovane e splendida moglie, interpretata da Demi Moore, dello squattrinato architetto Woody Harrelson. Una storia di fantasia, una squallida e dolorosa realtà, invece, per alcune ragazze, alcune delle quali minorenni, costrette a cedere al ricatto sessuale, “fai sesso con me e continuerai a lavorare“, del loro datore di lavoro, un 49enne titolare di un bar a San Cataldo, in provincia di Caltanissetta. Le ragazze, durante i loro turni di lavoro, erano oggetto delle attenzioni morbose e della avences dell’uomo che infine le costringeva, pena il licenziamento, a raggiungerlo presso la propria abitazione dove si consumavano gli abusi sessuali.

LEGGI ANCHE –> Coronavirus, a Napoli è allarme per la “fame d’ossigeno”.

Caltanissetta, titolare di un bar: “Fai sesso con me e continuerai a lavorare”. La denuncia del fidanzato di una delle vittime

L’indagine, che ha portato alla luce il riprovevole comportamento del 49enne, è partita dopo la denuncia del fidanzato di una delle vittime, che aveva lavorato nel bar dell’orco nell’estate del 2017, dopo averne raccolto la confessione dopo che per anni la fidanzata si era chiusa nel silenzio per la vergogna e per il timore di perdere lo stipendio di cui non poteva fare a meno dovendo anche contribuire al bilancio familiare. Dagli ulteriori accertamenti, condotti dai Carabinieri della Stazione di San Cataldo e coordinati dalla Procura della Repubblica di Caltanissetta, sono emersi altri episodi di violenze sessuali di cui erano vittime altre dipendenti del 49enne che nel frattempo è stato ristretto agli arresti domiciliari.

LEGGI ANCHE –> Ruba al supermercato, il direttore gli paga la spesa: “Se hai fame, vieni da me”