Uno studio riportato da HuffPost USA ha fatto emergere gli errori più comuni che si commettono utilizzando i gel igienizzanti per le mani

Gel igienizzanti errori comuni
(foto dal web)

In questo periodo di pandemia da Coronavirus molte volte sentiamo parlare in televisione, che siano telegiornali o trasmissioni, di lavarsi le mani spesso e accuratamente. Sono mesi ormai che molti di noi si portano con sé gel disinfettanti al fine di igienizzare le mani quando non ci troviamo in casa.

Infatti stando fuori dalle nostre abitazioni vi è maggiore rischio di contrarre il Covid, sia per recarsi in luoghi dove lavoriamo o anche solo per andare in supermercati.

Ebbene, HuffPost USA ha reso noto quelli che sarebbero gli errori più comuni che è più frequente commettere quando si igienizzano le mani. Difatti pare che ci siano del gel igienizzanti per le mani preferibili ad altri in quanto alcuni conterrebbero delle sostanze nocive.

LEGGI ANCHE —> Gel igienizzante per le mani: le caratteristiche che devono avere, altrimenti non funzionano

LEGGI ANCHE —> Gel igienizzante per mani: come farlo con solamente 3 ingredienti

Gel igienizzanti per le mani, errori più frequenti da non fare quando li utilizziamo

Gel igienizzanti errori comuni
(foto dal web)

In particolare, stando agli esperti, ci sarebbe una durata che si dovrebbe impiegare per pulirsi le mani. Infatti sembra che sarebbero necessari 20 secondi, non di meno e non di più per lavarle. Pure la quantità del prodotto che dovremmo usare dovrà essere preciso, non eccessivo né insufficiente.

Inoltre, aggiunge HuffPost USA, pare che vi siano diverse persone che non utilizzano correttamente il gel igienizzante non lavando l’intera superficie della mano correttamente. Da non sottovalutare poi il fatto di inserire il prodotto in un posto fresco e asciutto evitando i luoghi caldi.

Stando agli esperti, non sarebbe bene creare gel fai da te. Questo fatto poiché ci sarebbero alcune formule precise che, se non ben seguite, potrebbero far entire meno la sua efficacia. Da tenere d’occhio anche la data di scadenza, non utilizzandolo una volta superata quella riportata.