Elisa Isoardi e Raimondo Todaro ospiti a “Oggi è un altro giorno” hanno finalmente rivelato cosa c’è tra di loro. Vediamo insieme cosa hanno detto.

Elisa Isoardi ammette "Adoro Raimondo come..."
Elisa Isoardi era in collegamento dalla propria abitazione ad “Oggi è un altro giorno”

Ospiti, in collegamento dalle proprie abitazioni, a “Oggi è un altro giorno”, Elisa Isoardi e il partner Raimondo Todaro.

Da quando fanno coppia sul palco di “Ballando con le Stelle”, molti fan del programma hanno detto di aver visto una certa complicità fra i due. Complicità che andrebbe oltre il loro legame professionale.

LEGGI ANCHE—>RAOUL BOVA VISIBILMENTE DIMAGRITO “HO PERSO 20 KG”

Così, nella trasmissione di Beppe Convertini e Serena Bertone, hanno confessato cosa c’è in realtà tra di loro.

Ci prova prima la presentatrice che prova a stuzzicarla dicendo alla Isoardi “Io fossi in te mi innamorerei di Raimondo?”. L’ex conduttrice de “La Prova del Cuoco” però non ci casca e non risponde a questa provocazione.

Elisa Isoardi è costretta ad ammetterlo in diretta cosa c’è tra lei e Raimondo Todaro

Ma la Isoardi ammette che  “grazie a Raimondo ho messo i piedi per terra, mi ha dato una grande mano. Raimondo in questo è stato unico con me”.

LEGGI ANCHE—>ELISA ISOARDI PREOCCUPATA SI RECA IN CLINICA “COME FARO’ SABATO?”

A questo punto ci prova Beppe Convertini, però. “Avete fatto vedere che siete una coppia?”, ma la risposta non è stata esaudiente “Siamo come tutte le coppie che nei momenti di difficoltà, di disgrazia ci si unisce di più, ci vogliamo bene”.

Elisa Isoardi ammette "Adoro Raimondo come..."
Elisa Isoardi ammette che tra lei e Raimondo Todaro non c’è nulla

Convertini deve essere più esplicito allora “Ma c’è qualcosa tra di voi?”. Elisa Isoardi allora prende in mano la situazione ammettendo cosa c’è tra di loro “Io lo adoro come maestro. C’è grande rispetto tra di noi, non andiamo a rovinare il nostro rapporto…”.

Ma secondo alcuni fan della coppia i due starebbero solo fingendo di non aver nessun legame, se non quello lavorativo. Sarà così per davvero?