Sale ancora la curva dei contagiati dal coronavirus: nelle ultime 24 ore 10.874 nuovi casi a fronte dei 9.338 del precedente monitoraggio

Covid-19 bilancio 20 ottobre

Tornano a salire i contagi da coronavirus nel nostro Paese: 10.874 nuovi casi nelle ultime 24 ore (l’altro ieri sono stati 9.338). 144 mila i tamponi analizzati. Sono i dati contenuti nell’ultimo report reso noto dal Ministero della Salute. In crescita anche i decessi: 89 al fronte dei 73 del giorno precedente. Aumentano ancora i ricoveri in terapia intensiva, al momento 870 (+73). Per quanto riguarda le Regioni, il maggior numero di casi sempre in Lombardia (2023). Rallentano i nuovi casi in Campania (1312) a fronte, però, di un minor numero di tamponi processati. “Didattica in presenza per le scuole dell’infanzia, elementari, medie e I superiore“. La garantisce il Presidente del Piemonte, Alberto Cirio. Ma dal II al V anno per istituti tecnici, licei e scuole professionali “chiediamo didattica mista, almeno al 50%, in maniera alternata”. Il Presidente della Puglia, Michele Emiliano, ha sollecitato la Ministra dell’Istruzione Lucia Azzolina ad adottare “forme flessibili di attività didattica nelle scuole superiori”, altrimenti porrà in essere “provvedimenti emergenziali”. Anche Giovanni Toti, Presidente della Liguria, vuole la didattica a distanza al 50%, a rotazione, dal II superiore. E poi: “Assembramenti vietati” non solo per la movida.

LEGGI ANCHE –> Agenzia delle Entrate, rischio detrazioni spese sanitarie: attenti a questa novità

Coronavirus, il bilancio nazionale del 20 ottobre: 10.874 nuovi positivi.

Stretta sulla “movida”, nelle zone più critiche, a Torino. Il sindaco del capoluogo piemontese, Chiara Appendino, nelle prossime ore firmerà l’ordinanza sullo stop alle “serate con amici” dalle 21 per contrastare il Covid: da piazza Santa Giulia a via Matteo Pescatore e a piazza Montanaro. Si partirà “da queste aree, ha spiegato il primo cittadino sabaudo, valutando man mano la situazione per tarare al meglio i provvedimenti ed estenderli eventualmente ad altre zone”. Il sindaco approfondirà tale delicata questione con il Ministro del’Interno Luciana Lamorgese, i Presidenti di Circoscrizione e le associazioni di categoria. Tuttavia, la chiusura di piazze e vie per contrastare il contagio da Covid potrà avvenire “solo in determinati giorni della settimana, quelli caratterizzati da un più intenso afflusso di persone”. Lo prevede la circolare del Viminale inviata ai Prefetti: dovrà essere “attuata con ordinanze del sindaco” di concerto col Prefetto e con le Asl ed è “possibile l’impiego dei militari“. Rispetto degli orari per i bar ma con margini per lo “sforamento”. Lo sport è consentito a livello nazionale e regionale ma sono vietati quelli da “contatto”, compreso il calcetto. Intanto, il Ministro dell’Interno Luciana Lamorgese ha confermato l’invio immediato di 100 militari a supporto dei controlli sul territorio e per il rispetto delle ordinanze anti-Covid. Lo ha fatto sapere il Presidente della Regione Campania Vincenzo De Luca: “E’ un segno importante di attenzione da parte del Ministro, che fa seguito agli impegni assunti dal Commissario Domenico Arcuri. Ci auguriamo – ha aggiunto De Luca – che anche dalla Protezione Civile nazionale vengano risposte efficaci e proporzionate alle esigenze“.

LEGGI ANCHE –> Carlo Conti, indiscrezioni confermate | Duello con Maria De Filippi