E’ stato lanciato l’allarme tsunami per la costa meridionale dell’Alaska, Stati Uniti, dopo un terremoto di magnitudo 7.4

Allarme tsunami in Alaska, Usa, dopo sisma di magnitudo 7.4

E’ scattata l’allerta tsunami in Alaska, Stati Uniti, dopo un sisma di magnitudo 7,4. Secondo l’Usgs, l’agenzia geologica statunitense, il terremoto è avvenuto a una profondità di 40 km, a 91 km a sud-est di Sand Point. L’epicentro del sisma è stato localizzato in mare, a circa 55 miglia a sud-est di Sand Point, vicino alle poco popolate isole Aleutine, ma è stato ampiamente avvertito anche dalla popolazione che abita lungo la costa sud del Paese, ovvero a Sand Point, Chignik, Unalaska e nella penisola di Kenai. Pertanto l’allarme riguarda la costa meridionale dello stato e la penisola dell’Alaska ma risparmia Anchorage, la città più grande dello Stato, a quasi mille miglia dall’epicentro. “Per le altre coste Usa e canadesi il livello di pericolo dello tsunami è in fase di valutazione“, secondo il Pacific Tsunami Warning Center.

LEGGI ANCHE –> Coronavirus, in Europa quasi 170 mila morti in più in 4 mesi

Alaska, Usa, allerta tsunami dopo sisma di magnitudo 7.4. Scossa di assestamento di magnitudo 5.2

L’Alaska Earthquake Center ha reso noto che una scossa di assestamento di magnitudo 5.2 è stata registrata 11 minuti dopo, con epicentro localizzato all’incirca nella stessa area. Non sono stati segnalati feriti o danni materiali, tuttavia ai residenti nella zona costiera è stato chiesto di mantenere la calma e di spostarsi rapidamente su un terreno più elevato. Per essere sempre aggiornati sui terremoti l’Istituto Nazionale di Geofisica e Vulcanologia  pubblica in tempo reale sul canale Twitter@INGVterremoti le localizzazioni del sisma calcolate in modo automatico dai software della Sala di Sorveglianza Sismica di Roma. Per i terremoti superiori ad una magnitudo di 3,0 un paio di minuti dopo l’evento viene rilasciato un tweet con la stima automatica dell’epicentro e della magnitudo. La localizzazione e la magnitudo automatiche sono calcolate dal software senza intervento umano e sono dunque soggette alle incertezze delle coordinate ipocentrali e della magnitudo insite nel sistema di calcolo.

LEGGI ANCHE –> Gigantesco asteroide in rotta di collisione con la Terra entro il 22 ottobre