Leo Labs ha affermato di aver tracciato un satellite sovietico spento e un razzo cinese dismesso “ad altissimo rischio” di scontrarsi l’uno con l’altro, causando un evento spaziale catastrofico.

evento spaziale
Un satellite sovietico spento da anni e un razzo cinese dismesso hanno un “altissimo rischio” di collisione in un evento spaziale catastrofico, ha affermato un servizio di tracciamento delle collisioni.

La Leo Labs, un’azienda che usa il radar per tracciare i detriti spaziali, sta tracciando un satellite sovietico spento e un razzo cinese dismesso che si trovano in rotta di collisione l’uno verso l’altro.

I rottami spaziali sono considerati ad “altissimo rischio” di schiantarsi l’uno contro l’altro, il che provocherebbe l’invio di pezzi di metallo in tutte le diverse direzioni.

Se i due si scontrano, potrebbe trattarsi di un evento spaziale “catastrofico” che potrebbe causare il caos per qualsiasi satellite terrestre in orbita bassa, hanno dichiarato i ragazzi di Leo Labs.

Dan Ceperley, l’amministratore delegato di LeoLabs, ha raccontato a Business Insider: “Se dovessero davvero scontrarsi saranno probabilmente da migliaia a decine di migliaia i nuovi pezzi di detriti che faranno impazzire qualsiasi satellite che uscirà in orbita terrestre bassa, o anche oltre.

Leggi anche -> Prima edizione di ‘Harry Potter’ battuta all’asta per oltre 50.000 euro

“È forse un problema molto più grande di quanto molti si rendano conto”.

Leo Labs ha calcolato che i detriti spaziali hanno una probabilità del 10& che gli oggetti si scontrino alle 20:56 di giovedì 15 ottobre, che è l’1.56 am di venerdì 16 ottobre ora legale.

In un tweet, l’azienda ha affermato: “Questo evento continua ad essere ad altissimo rischio e probabilmente rimarrà così anche nel periodo di avvicinamento più imminente.

“Il nostro sistema genera nuovi rapporti di congiunzione 6-8x al giorno su questo evento con nuovi dati di osservazione ogni volta”.

evento spaziale

Il satellite sovietico e il corpo del razzo cinese sono ora entrambi “defunti”, il che significa che nessuno può spostarli in modo non dannoso.

Attualmente, 130 milioni di pezzi di spazzatura spaziale circondano la Terra, da satelliti o navicelle spaziali abbandonati che si sono rotti durante le missioni.

Leggi anche -> Scienza, premio Nobel dichiara: “Sono esistiti altri universi prima del Big Bang”

I detriti viaggiano a una velocità 10 volte superiore a quella di un proiettile, che potrebbe uccidere gli astronauti su una navicella spaziale in caso di impatto.