Doppiamente sanzionato il Napoli dal giudice sportivo Mastrandrea per la “partita fantasma” Juventus-Napoli: 3-0 a tavolino e un punto di penalizzazione

Juventus-Napoli, il giudice sportivo ha decretato il 3-0 e il -1 ai partenopei

A dieci giorni dalla “partita fantasma” dell’Allianz Stadium, il match Juventus-Napoli non disputatosi per l’assenza dei partenopei bloccati a Napoli da un provvedimento dell’Asl di pertinenza dopo la positività al Covid-19 degli azzurri Zielinski ed Elmas, è arrivata la tanto attesa sentenza del giudice sportivo Gerardo Mastrandrea: sancito il 3-0 a tavolino e un punto di penalizzazione in classifica al Napoli. Per il giudice Mastrandrea, non rileva, alla luce delle norme Figc, “la fattispecie forza maggiore ed è preclusa la valutazione sulle decisioni dell’Autorità sanitaria. Gli atti delle Aziende sanitarie delineano un quadro che non appare affatto incompatibile con le norme specifiche del protocollo della Ficg e quindi con la possibilità di disputare la gara”. Naturalmente, tale sentenza è solo l’anteprima di una lunga battaglia legale visto che il club partenopeo ha preannunciato il ricorso in appello, Corte sportiva di appello presieduta da Piero Sandulli, dove si cercherà di evidenziare sia l’autorità della ASL che il comportamento tenuto in ossequio alle norme e dove servirà capire se la Juventus si costituirà come parte. Il processo si dovrebbe svolgere entro un mese.

LEGGI ANCHE –> Covid, Crisanti: “Lockdown a Natale nell’ordine delle cose”

Juventus-Napoli: 3-0 a tavolino  e -1 ai partenopei. Avv. Cascella: “Il diritto alla salute prevale su tutto”

Il patron del Napoli Aurelio De Laurentiis, tuttavia, non nutre grandi speranze di ribaltare tale verdetto, ecco perché  è pronto ad uscire dall’ordinamento sportivo del calcio per passare al Collegio di Garanzia del Coni e, se necessario, ricorrere al Tar dove vi sarebbero i margini per un ribaltamento della sentenza: secondo Angelo Cascella, avvocato ed esperto di diritto sportivo nazionale ed internazionale, intervistato dal quotidiano “Il Mattino”, “il diritto alla salute prevale su tutto, il bivio è questo: prevale la normativa nazionale su quella sportiva no?”. “Sono certo che l’avvocato Mattia Grassani (che difende il Napoli, ndr) avrà già le idee chiare, il club ha margini e diritto per esprimere le proprie idee. Non credo invece si possa arrivare al Tas di Losanna che dirime questioni internazionali mentre queste mi sembrano legate esclusivamente al diritto interno”. Intanto, dopo Cristiano Ronaldo, rientrato con un aereo ambulanza dal Portogallo, dove era in ritiro con la propria Nazionale in vista degli impegni in Nations League, a Torino, dove osserverà il periodo di isolamento fiduciario, si registra un nuovo caso di positività tra i bianconeri: si tratta del centrocampista statunitense Weston McKennie. Ragion per cui il gruppo squadra bianconero è entrato in isolamento fiduciario così i soggetti negativi possono continuare a sostenere regolarmente gli allenamenti, oltre a disputare i match in calendario, senza, però, avere contatti con il mondo esterno. Positivi al Covid-19 anche altri due componenti del gruppo squadra dell’Under 23: il calciatore Lucas Rosa e un collaboratore dello staff.

LEGGI ANCHE –> Raimondo Todaro su Elisa Isoardi “Non mi molla un secondo”