La quarantena per gli asintomatici, anche se ancora positivi, terminerà dopo 21 giorni: è quanto hanno approvato gli esperti del Comitato Tecnico-scientifico. Per gli alunni più piccoli in arrivo il banco scolastico “Bibicar”

Coronavirus, "liberi" dopo 21 giorni gli asintomatici

Gli asintomatici che non negativizzano al test Covid termineranno la quarantena, e saranno quindi“liberi”, dopo 21 giorni. E’ una delle misure approvate dal Comitato tecnico scientifico del governo in vista del prossimo DPCM. All’orizzonte la riduzione dell’isolamento fiduciario a 10 giorni e un tampone molecolare: se l’esito è positivo, altri 7 giorni di isolamento e poi nuovo test. In caso di ulteriore positività si dovrà rimanere altri 4 giorni in quarantena e poi sottoporsi all’ultimo tampone. Tuttavia, anche se l’esito del tampone sarà ancora positivo, si sarà “liberi”: dopo 20 giorni, infatti, la carica virale è bassa e non si è più contagiosi, come ha spiegato il Comitato Tecnico-scientifico.

LEGGI ANCHE –> Napoli, focolaio Covid dopo matrimonio con 200 invitati

Coronavirus, asintomatici: liberi dopo 21 giorni. Per i bambini in arrivo il banco scolastico “Bibicar”

Nella battaglia contro il Covid-19 chiamata alle armi per medici di medicina generale e pediatri di libera scelta da parte del Comitato Tecnico-scientifico: “Per il raggiungimento dell’obiettivo strategico connesso alla sostenibilità del sistema diagnostico dei casi di positività al Covid è necessario il coinvolgimento anche dei medici di medicina generale e dei pediatri di libera scelta per il prezioso e fondamentale contributo che potranno assicurare nell‘esecuzione dei tamponi al fine di sostenere in maniera essenziale il sistema sanitario nel Paese“. Intanto, interessante novità in ambito scolastico. Si chiama Bibicar ed è frutto della creatività della designer Enza Pepe: è il nuovo banco scolastico, nato in periodo Covid, ideato per gli alunni più piccoli e realizzato con cartone riciclato a forma di macchinetta con tanto di “parabrezza” e cristalli laterali di plastica trasparente per consentire l’interazione con l’insegnante e i compagni di classe. I bimbi diventano così poliziotti, pompieri o divi dello spettacolo a bordo di una vintage car imparando in maniera giocosa, quindi non traumatica, a proteggersi dal famigerato virus cinese.

LEGGI ANCHE –> Realtà aumentata sui cani dell’esercito | “Il futuro delle operazioni militari”