Dopo l’outing  dell’attore Gabriel Garko, Vladimir Luxuria lancia uno scoop: dalla politica al calcio sono tanti coloro che non dicono apertamente di essere gay.

Valdimir Luxuria "Sono gay e non lo dicono..."
L’outing di Gabriel Garko è stato definito dallo stesso come il segreto di Pulcinella

L’outing di Gabriel Garko è stato definito dallo stesso attore come un segreto di pulcinella. Tutti lo sapevano, ma facevano finta di nulla. Ma dopo la sua dichiarazione, adesso può vivere alla luce del sole la sua storia d’amore.

LEGGI ANCHE—>ADRIANA VOLPE, ACCESA LITE TRA GLI OSPITI | LA REAZIONE DELLA CONDUTTRICE

A Silvia Toffanin aveva detto di aver dovuto mentire solo perchè in questo modo avrebbe potuto continuare a lavorare.

A queste parole, Vladimir Luxuria risponde “È un sistema. Parlando in generale, conosco le pressioni degli agenti di spettacolo, di chi pensa che se un attore si dichiara gay poi non viene chiamato a fare film e fiction”.

Vladimir Luxuria confida che molti personaggi fingono di essere quello che non sono

Queste sono le parole che ha rilasciato a Today.it. Ma ha fatto sapere che anche molti giocatori sono omosessuali “Presidenti e allenatori temono striscioni omofobi e cori dei tifosi avversari. Gli ultras se la prendono col colore della pelle, figuriamoci se non farebbero lo stesso per l’orientamento sessuale: insulterebbero in maniera vistosa.

LEGGI ANCHE—>ELISA ISORADI E RAIMONDO TODARO SEMPRE PIU’ UNITI “SARA’ STRATOSFERICO”

C’è l’idea che un calciatore gay potrebbe avere qualche sponsor in meno. Ma se non si squarcia il velo dell’ipocrisia non andiamo avanti: ben venga un coming out di un calciatore e ben venga una ribellione davanti alle prime reazioni scomposte. Nei fatti chi paga sono questi personaggi costretti a tenere una maschera”.

Valdimir Luxuria "Sono gay e non lo dicono..."
Valdimir Luxuria ha rivelato “Presidenti e allenatori temono striscioni omofobi”

Ognuno deve essere libero di vivere la propria vita in modo libero e senza avere paura di essere giudicato, piuttosto che costretto a fingersi qualcun altro.

Non è semplice però ammettere di essere gay nella società in cui viviamo. Staremo a vedere se qualcun altro del mondo dello spettacolo avrà lo stesso coraggio di Gabriel Garko.