Nuovo attacco nei confronti di Lorella Cuccarini dall’interno della casa del GF Vip, dopo quello precedentemente lanciato da Tommaso Zorzi

Lorella Cuccarini attacco GF Vip
(foto dal web)

All’interno della casa del GF Vip, Lorella Cuccarini finisce al centro delle conversazioni dei concorrenti. A parlare di lei è Maria Teresa Ruta. La collega non le riserva esattamente delle parole al miele, per usare un eufemismo. Matilde Brandi, ex collega della Cuccarini a Buona Domenica, ha fatto un parallelo tra quest’ultima e la da sempre rivale Heather Parisi, spezzando una lancia in favore della showgirl statunitense. Stando alla Brandi, quest’ultima “ballava meglio“, anche se ha tenuto a precisare. “Lorella aveva la sua sensualità“.

In quel momento, Stefania Orlando è tornata sulla querelle tra Lorella e Alberto Matano, accusato tramite una lettera di essere stato “maschilista” quando entrambi presentavano La Vita in Diretta. A quel punto, la Ruta ha lanciato un affondo nei confronti della conduttrice. “Comunque è bizzarro che la Cuccarini si lamenti di uno che non la saluta nel corridoio, perché lei è una che non saluta nei corridoi“.

LEGGI ANCHE —> Elisa Isoardi e Raimondo Todaro sempre più uniti “Sarà stratosferico”

LEGGI ANCHE —> GF Vip, arriva la proposta di matrimonio a sorpresa | Lei reagisce così

Lorella Cuccarini, prima dell’attacco di Maria Teresa Ruta quello di Tommaso Zorzi

Lorella Cuccarini attacco GF Vip
(foto dal web)

Precedentemente Tommaso Zorzi aveva criticato in maniera più pesante Lorella per il suo pensiero in merito ai matrimoni e alla possibilità di far adottare bambini da parte di coppie omosessuali. “A me dà fastidio la gente che apre bocca per seminare odio. Piuttosto taci che fai più bella figura – aveva tuonato –. Da ballerina e showgirl, da una che sui gay ci ha fatto una carriera…. Non conosco un etero che se parte La notte vola la balla, a parte Oppini. Deve ammettere che grazie ai gay che qualcosina in più l’hai fatto“.

La replica da parte della Cuccarini non si era fatta attendere. “Se mi si chiede un’opinione sulle adozioni o sulla pratica dell’utero in affitto, posso pormi delle domande e non essere a favore – aveva sostenuto –. Questa non è e non sarà mai una dichiarazione contro la comunità LGBT e i diritti delle persone che vi appartengono e che, anzi, rispetto profondamente“.