L’Eredità: Flavio Insinna potrebbe fare i conti con una brutta notizia, o per la precisione, di fatto dovrebbero essere due, prima dell’inizio del game show

L'Eredità Flavio Insinna brutta notizia
(foto dal web)

L’Eredità di Flavio Insinna è pronta a tornare in onda. Lunedì 28 settembre prenderà il via il famoso quiz nel preserale di Rai 1. Il programma, trasmesso per la prima volta nel 2002, prenderà il posto del game show estivo condotto da Marco Liorni, Reazione a catena. Secondo quanto riportato dalla rivista DiPiù Tv, sarebbe stata confermata la voce circolata pochi giorni fa.

Stiamo parlando del numero di professoresse che affiancheranno il presentatore romano. Infatti non sarebbero più quattro, ma due. Insomma le ragazze sarebbero state ridotte della metà rispetto a quelle che sono state a fianco di Insinna la scorsa stagione della trasmissione. E non sarebbe il solo cambiamento che attende L’Eredità.

LEGGI ANCHE —> Temptation Island, una nuova coppia pronta a partecipare al reality

LEGGI ANCHE —> Temptation Island, le frasi di Davide non piacciono “Il medioevo è finito”

L’Eredità, Flavio Insinna torna in onda con alcuni cambiamenti

L'Eredità Flavio Insinna brutta notizia
(foto dal web)

Per via dei provvedimenti volti a contrastare l’emergenza Coronavirus, il programma sarà costretto a registrare le proprie puntate con lo studio completamente vuoto, fatta eccezione ovviamente di conduttore, concorrenti e staff che comunque dovranno rispettare le distanze di sicurezza. Si tratta di tutte misure necessarie alla tutela delle persone presenti negli studi del famoso game show.

Un quiz molto longevo se si considera, come già detto, che entra nelle case di milioni di italiani addirittura dal lontano 2002. Anche Insinna non è al debutto della trasmissione. Difatti l’uomo è al timone della stessa da tre edizioni consecutive. Quanto al discorso della riduzione del numero delle professoresse, in un certo senso le brutte notizie sarebbero due, visto che a salutare salutare il quiz dovrebbero essere, secondo indiscrezioni tutte da confermare, Ginevra Pisani e Sara Arfaoui.