L’Agenzia delle Entrate ha segnalato dei nuovi tentativi di truffa tramite false mail, inviate al fine di impossessarsi di dati personali

Agenzia delle Entrate truffa false mail
(Getty Images)

Il comunicato stampa dell’Agenzia delle Entrate che avverte i contribuenti su questo tentativo di truffa tramite false mail è stato pubblicato il 22 settembre 2020. La nota riporta l’informazione riguardante appunto questo tentativo di phishing. Le mail in questione riportano la scritta “Il Direttore dell’Agenzia” o “Gli Organi dell’Agenzia” nell’intestazione nonché l’invito a leggere gli allegati per visionare le incongruenze riscontrate.

Stiamo parlando di una truffa e perciò si invitano gli utenti a non aprire gli allegati e ad eliminare subito queste mail recapitate. Non vi è alcun Direttore dell’Agenzia o Organo della stessa che avvisa attraverso mail riguardo incoerenze trapelate a seguito di esami di dati e saldi concernenti la “Divulgazione delle eliminazioni periodiche IVA”, riferendosi così maldestramente alle Lipe. È sufficiente la lettura di queste mail per comprendere che è solo un nuovo tentativo di truffa.

LEGGI ANCHE —> Fisco, da quando riprendono i pignoramenti | Cosa non si può pignorare

LEGGI ANCHE —> Fisco, Agenzia delle Entrate rifiuta questo pagamento dal primo settembre

Agenzia delle Entrate, truffa false mail | Non aprite quegli allegati

Agenzia delle Entrate truffa false mail
(Getty Images)

Lo segnala ed avvisa i contribuenti proprio l’Agenzia delle Entrate sottolineando che ci troviamo di fronte ad un tentativo di phishing. Le mail, a cui fa riferimento la nota del 22 settembre, invitano a visionare gli atti all’interno dell’archivio allegato. In questo modo si tenta di effettuare l’installazione di un malware nei dispositivi dei contribuenti, anche al fine di sottrarre in un secondo momento informazioni personali. Per scongiurare di rimanere vittime di questo truffa, si invita a non procedere all’apertura degli allegati e a cancellare subito le mail.

In generale la raccomandazione è quella di procedere sempre ad un’attenta verifica delle mail ricevute e, nel caso appaiano sospette, in particolar modo se provenienti da mittenti sconosciuti, quella di non aprire gli allegati e di cestinarle. Infine si ricorda che le comunicazioni che contengono dati personali dei contribuenti non vengono mai inviate tramite mail. Infatti si possono consultare le informazioni personali solo nel Cassetto Fiscale, a cui si accede attraverso l’area riservata, presente sul sito dell’Agenzia delle Entrate.