Il cantante Eros Ramazzotti, dopo una caduta, ha dovuto subire un’operazione alla spalla destra. Ce lo racconta lui stesso a Rai Radio2.

Eros Ramazzotti è stato operato "Ho dovuto farlo"
Eros Ramazzotti è stato operato alla spalla destra dopo una caduta

Eros Ramazzotti, a causa di una brutta caduta, ha dovuto subire un’operazione alla spalla destra. Lo ha confessato lui stesso ai microfoni de “I Lunatici”, un programma notturno di Rai Radio2.

“Una estate di operazione alla spalla e fisioterapia mi sono imbattuto in una caduta, mi sono fatto male alla spalla destra, ho dovuto operarla, sono ancora lì a lavorare per rimetterla a posto. Mi sono esibito all’Arena di Verona, ho giocato anche a pallone, ma l’ho fatto per aiutare il settore della musica, l’ho fatto a fin di bene”.

LEGGI ANCHE—>SILVIA PROVVEDI, IL GESTO DEL FIDANZATO GIORGIO DOPO L’ARRESTO- FOTO

In questa occasione, Eros Ramazzotti ha voluto sottolineare quanto fosse per lui importante partecipare all’Arena per aiutare tutti i lavoratori dello spettacolo, che hanno subito un duro colpo a causa dell’emergenza sanitaria che ha colpito tutto il Mondo.

Eros Ramazzotti è stato operato dopo una caduta

Ha continuato Ramazzotti “Il problema è generalizzato un po’ per tutti, dietro alla musica, al teatro, al cinema c’è gente che lavora, che ha famiglia, tutto quello che facciamo è per loro. Noi artisti in qualche modo ce la caviamo, ma chi sta dietro deve lavorare, guadagnare e mandare avanti una famiglia”.

LEGGI ANCHE—>NICOLETTA MANTOVANI E L’AMORE DOPO PAVAROTTI | LA DATA DEL MATRIMONIO

Il cantante si è poi soffermato a parlare anche dell’omicidio di Willy, avvenuta qualche giorno fa “Bisognerebbe essere uniti sempre, tutti i giorni, non solo quando si è costretti ad essere chiusi in casa.

Eros Ramazzotti è stato operato "Ho dovuto farlo"
Eros Ramazzotti ha cantato all’Arena di Verona

Se il lockdown ha fatto da detonatore all’aggressività che si vede in giro? Un po’ sì, guarda morte di Willy. Non posso pensare ci sia gente così in giro. Però purtroppo c’è, esiste, è sempre esistita e questa situazione l’ha amplificata”.