L’ex capo della Ferrari Jean Todt ha fornito un aggiornamento sulla salute della leggenda della F1 Michael Schumacher, che nel 2013 ha subito lesioni in un incidente sulle Alpi francesi.

schumacher jean todt

Il 51enne stava sciando con il figlio Mick nel dicembre del 2013, quando è caduto e ha battuto la testa; il colpo gli ha causato un grave trauma, nonostante indossasse il casco da sci.

Da allora ci sono stati pochi aggiornamenti sulle sue condizioni, con l’ex capo della Ferrari Jean Todt una delle poche persone ad offrire ai sostenitori del pilota di F1 qualche informazione sulla battaglia che sta combattendo.

In vista del Gran Premio di Toscana che si svolgerà questo fine settimana, Todt ha rivelato di aver fatto visita a Schumacher la scorsa settimana e quest’ultimo sta lottando insieme alla moglie, i figli e le infermiere.

Il 74enne ha raccontato ai media: “Ho visto Michael la scorsa settimana e sta lottando.”

Leggi anche -> OMS: “In arrivo qualcosa di molto più pericoloso del Covid”

“Mio Dio, sappiamo tutti che ha avuto un terribile e sfortunato incidente sciistico che gli ha causato molti problemi… ma ha una moglie fantastica accanto a lui, ha i suoi figli, le sue infermiere, e noi possiamo solo augurargli il meglio e augurare il meglio anche alla famiglia”.

“Tutto quello che posso fare è stargli vicino finché non sono in grado di fare qualcosa, e poi la farò”.

Schumacher ha vinto sette Campionati Mondiali Piloti di F1 con la Ferrari tra il 1994 e il 2004, e ha goduto di un breve ritorno allo sport con la Mercedes tra il 2010 e il 2012, con Lewis Hamilton che ha preso il suo posto nel 2013.

schumacher jean todt

Hamilton, 35 anni, è in corsa per eguagliare i suoi sette titoli mondiali nella stagione 2020, avendo vinto cinque delle prime otto gare in vista del Gran Premio di Toscana di domenica.

Todt ha detto dei suoi record: “Lewis batterà tutti i record di Michael semplicemente perché è un pilota di grande talento.”

Leggi anche -> Studentessa 14enne espulsa il primo giorno di scuola per “capelli inappropriati”

E’ motivato e guida per la migliore squadra. Ha la macchina migliore, il motore migliore, quindi tutti gli ingredienti ci sono. E’ una logica positiva che quando si fa così bene nella vita se ne trae il vantaggio, ed è quello che sta succedendo con Lewis e Mercedes.”