Accelera l’incremento dei nuovi contagiati dal coronavirus nelle ultime 24 ore: 1370 contro i 1.108 della precedente rilevazione

Covid, 1370 nuovi positivi nelle ultime 24 ore

Tornano a salire i nuovi contagiati da Coronavirus nel nostro Paese: sono 1.370 i nuovi positivi nelle ultime 24 ore contro i 1.108 dell’altro ieri. Ma in forte aumento anche i tamponi processati, 92.403, quasi raddoppiati rispetto alla precedente rilevazione. In lieve calo invece il numero dei decessi, 10 oggi contro i 12 dell’altro ieri, 35.563 in totale dall’inizio della pandemia. In Lombardia e Campania il maggior numero di nuovi positivi. Nessuna Regione ha fatto registrare lo zero nella casella contagi. Le persone ricoverate in terapia intensiva sono 143, solo una in più rispetto al precedente monitoraggio. Intanto, al Ministero della Salute si è tenuto un summit con i rappresentanti del mondo delle farmacie e dei farmacisti per rendere disponibili in farmacia i test sierologici validati dall’Istituto Superiore di Sanità e dal Comitato Tecnico-scientifico. Lo hanno annunciato in una nota Fofi, Federfarma e Assofarm sottolineando che il ministero “si è impegnato a predisporre un elenco dei test che potranno essere effettuati nelle farmacie secondo modalità di svolgimento e di trasmissione dei dati da concordare con le autorità sanitarie”.

LEGGI ANCHE –> Gigi D’Alessio è diventato nuovamente nonno ma… “c’è un problema”

Coronavirus, il bilancio nazionale dell’8 settembre: 1370. In decremento anche l’aumento settimanale dei nuovi positivi

Frena, invece, l’aumento settimanale dei nuovi casi di infezioni da coronavirus in Italia. Tra il 2 e l’8 settembre le Regioni hanno accertato 9.925 nuove positività contro le 9.023 del periodo dal 26 agosto al 1° settembre. Si tratta di un incremento del 10%, molto più contenuto di quelli osservati nelle settimane precedenti quando sono stati rispettivamente del 38% (6.546 in assoluto) e del 92% (3.409). Il punto più basso dall’inizio della pandemia comunque è lontano: è stato toccato nei 7 giorni dal 24 al 30 giugno quando i casi in Italia sono stati 1.362. E’ probabile che si stia iniziando ad esaurire l’effetto del rientro dalle ferie e che quindi la circolazione del virus stia rallentando. Adesso gli esperti aspettano di capire quale impatto avrà l’apertura delle scuole il 14 settembre. 

LEGGI ANCHE –> Omicidio Willy, i fratelli Bianchi negano l’omicidio: “Volevamo aiutarlo”