In decremento il dato relativo ai nuovi positivi al coronavirus: 1.108 nelle ultime 24 ore a fronte dei 1.297 della precedente rilevazione

Covid-19, il bilancio del 7 settembre

Sono 12 i morti per coronavirus nelle ultime 24 ore, in aumento rispetto ai 7 dell’altro  ieri. Calano ancora i contagiati: sono 1.108 contro i 1.297 del precedente monitoraggio. Le persone in terapia intensiva sono 142, 9 in più rispetto al giorno precedente. La regione con più casi nelle ultime 24 ore è la Campania con 218 positivi, seguita dal Lazio con 159 e dall’Emilia Romagna con 132, mentre la Lombardia e il Veneto rallentano, con rispettivamente 109 e 69 nuove positività. Tuttavia il calo è legato anche al ridotto numero di tamponi processati: 52.553, meno della metà rispetto agli oltre 100 mila tamponi giornalieri della scorsa settimana. A pochi giorni dal ritorno in aula è di nuovo intervenuta sulla riapertura in sicurezza delle scuole la Ministra dell’Istruzione Lucia Azzolina: “Abbiamo lavorato per trovare nuovi spazi e garantire il distanziamento. Se c’è il metro di distanza la mascherina può non essere usata. Si deve usare quando si è in movimento, quando si va alla toilette e durante la ricreazione”. La Ministra dell’Istruzione ha, inoltre, respinto le accuse di ritardi nella consegna dei banchi monoposto: “Consegnare 2,4 mln di banchi è uno sforzo enorme, ingiusto essere accusati di ritardi. In 2 mesi li consegneremo”. Infine nel caso di studenti positivi la titolare dell’istruzione è stata perentoria: “C’è un protocollo ed è già stato applicato. A casa, in didattica a distanza“.

LEGGI ANCHE –> Anche Marina Berlusconi positiva al Coronavirus

Coronavirus, il bilancio nazionale del 7 settembre: 1.108 nuovi positivi. Speranza: “Ai giovani chiediamo una mano”

Il Ministro della Salute Roberto Speranza, nell’invitare a tenere alta la guardia sul fronte del contrasto al Covid, è tornato ad appellarsi ai giovani a margine della visita all’incubatore biomedico “Toscana Lifes” a Siena: “Non bisogna dare nulla per scontato. Il Covid continua ad avere numeri significativi, guai ad abbassare la guardia. Abbiamo mesi in cui dobbiamo resistere in vista del vaccino e cure sicure, come quelle che ci aspettiamo possano partire da qui. La priorità assoluta è la scuola. Ai giovani chiediamo una mano. A loro il virus fa un po’ meno male, ma rischiamo che lo trasmettano ad adulti fragili”.

LEGGI ANCHE –> Romina Power: “Fumai marijuana con Paul McCartney, poi in cerchio…”