Vincenzo De Luca è indagato per truffa e abuso d’ufficio. La replica del Governatore: “Io indagato? Che straordinario scoop, l’indagine è aperta da tre anni!”

Vincenzo De Luca indagato per truffa e abuso d'ufficio
Il Presidente della Regione Campania Vincenzo De Luca

Brutta tegola per il Presidente della Regione Campania Vincenzo De Luca che, secondo quanto rivelato dal quotidiano “La Repubblica”, è indagato a Napoli per truffa e abuso d’ufficio nell’ambito dell’inchiesta sulla vicenda dei 4 vigili urbani salernitani promossi e trasferiti allo staff della sua segreteria in Regione Campania, dove sono stati inquadrati come addetti e responsabili, con relativo aumento di stipendio. I 4, secondo i Pubblici ministeri, sarebbero privi dei requisiti necessari per il cambio di mansione. Non si è fatta attendere la replica del governatore con un post sul suo profilo facebook nel suo proverbiale corrosivo stile: “Io indagato? Che straordinario scoop, l’indagine è aperta da tre anni“, ha ironizzato De Luca che poi è passato al contrattacco: “L‘indagine è partita dall’esposto di un ex assessore regionale, ex di Forza Italia, ora leghista, che mentre era assessore si faceva dare incarichi per centinaia di migliaia di euro dall’azienda regionale dei trasporti Eav”.

LEGGI ANCHE –> Continua la “telenovela” di “Casa Totti”: l’ex calciatore a caccia del topolino

Indagato per truffa e abuso d’ufficio il Governatore Vincenzo De Luca. “Sono solo autisti o fanno anche lavoro di segreteria?

Il Governatore De Luca ha, inoltre, abbozzato un tentativo di difesa che ruota attorno al quesito se gli autisti che accompagnano il Presidente della Regione siano solo autisti o svolgano anche un lavoro di segreteria, “L’indagine triennale verte su questo interrogativo: gli autisti che a turno accompagnano il Presidente della Regione, erano solo autisti o facevano anche lavoro di segreteria?” prima di rivendicare che l’organizzazione dell’Ufficio di segreteria dell’attuale Presidenza, rispetto a quella precedente, ha fatto risparmiare alle casse regionali 84 mila euro. Infine, la sua consueta chiosa finale, che ormai è diventata il suo slogan: “Buon lavoro a tutti e, per il resto, non perdere tempo e non farsi distrarre“.

LEGGI ANCHE –> Covid, niente stadi e discoteche fino al 7 ottobre