Indiscrezione su Ylenia Carrisi: la figlia di Al Bano Carrisi e Romina Power avrebbe avuto un presunto diario segreto su cui avrebbe scritto questa frase

Ylenia Carrisi frase diario segreto
(foto dal web)

Si continua a parlare del caso Ylenia Carrisi, scomparsa in circostanze misteriose nel lontano 1994. Ancora oggi di tanto in tanto compaiono rivelazioni su quanto sarebbe accaduto e sul destino della figlia di Al Bano Carrisi e Romina Power. Sta di fatto che il cantante di Cellino San Marco sembra essersi convinto del decesso della giovane, tanto da chiedere ed ottenere la dichiarazione di morte presunta.

La madre invece spera ancora di poter riabbracciare un giorno Ylenia non credendo alla tesi, secondo cui la ragazza sarebbe deceduta gettandosi nelle acque del Mississippi. In questi anni si sono legge moltissime notizie sul conto della giovane, soprattutto su presunti avvistamenti da varie parti del mondo in cui vivrebbe.

LEGGI ANCHE —> Al Bano Carrisi torna a parlare della figlia Ylenia “Senza fede vivevo male”

LEGGI ANCHE —> Al Bano pronto al grande passo con Loredana Lecciso: “si farà”

Ylenia Carrisi, frase sul presunto diario segreto: “Non voglio più vivere in Italia, ma papà non mi lascerà andare”

Ylenia Carrisi frase diario segreto
(foto dal web)

Tra le indiscrezioni, vi è anche una riguardo un presunto diario segreto della giovane. Quest’ultima avrebbe avuto scontri con il padre a causa della presunta scelta da parte di Ylenia di volersi trasferire fuori dall’Italia ed intraprendere una via lavorativa differente rispetto a quella dei suoi genitori. Questa voce non ha ricevuto alcuna conferma vera e propria, ma ora spunta una frase che apparterrebbe a questo diario.

La giovane prima di scomparire aveva scelto di trasferirsi negli Stati Uniti, a New Orleans. Forse aveva intenzione di vivere proprio negli USA. Quanto al presunto diario invece, la frase in questione sarebbe. “Non voglio più vivere in Italia, ma papà non mi lascerà andare. Devo andare via“. Parole che (se davvero scritte da lei) fanno venire i brividi, alla luce dell’epilogo della vicenda avvenuta 16 anni fa.