“La continuità è ormai un’opzione e la stiamo studiando”, così il padre-agente di Messi, Jorge, dopo l’incontro con il Presidente blaugrana Bartomeu

Messi, apertura del padre-agente Jorge
Il fuoriclasse del Barcellona Lionel Messi

L’addio al Barcellona del fuoriclasse argentino Lionel Messi ha ormai assunto i contorni di un’autentica telenovela: ogni giorno una nuova puntata con colpi di scena ed improvvisi dietrofront. L’atteso confronto tra il Presidente blaugrana Josep Maria Bartomeu e il padre-agente, Jorge, della “Pulce” non ha avvicinato le due parti che, anzi, si sono mantenute ferme sulle rispettive posizioni: il Barcellona, forte dell’appoggio della Liga, infatti, pretende il pagamento della clausola rescissoria da 700 milioni di euro per liberare l’argentino dal contratto in scadenza a giugno 2021. Ecco perché, viste le difficoltà di risolvere il contratto in essere a parametro zero avvalendosi della clausola di uscita gratuita, l’entourage del fuoriclasse argentino ha cambiato strategia. Jorge Messi ha dichiarato al quotidiano “Deportes Cuatro” che “la continuità ormai è un’opzione e la stiamo studiando” rispondendo, inoltre, affermativamente alla precisa domanda se stiano valutando la possibilità di proseguire fino al 2021 per poi accasarsi altrove gratuitamente. Ora la priorità del clan Messi, con Leo che ha avuto un confronto, durato più di un’ora, con il padre nella propria casa di Barcellona, è quella, visto la più che probabile permanenza in terra catalana, di evitare le sanzioni per la mancata presentazione del fuoriclasse argentino al ritiro.

LEGGI ANCHE –> Covid-19, Berlusconi ricoverato al San Raffaele

Addio al Barcellona di Lionel Messi, apertura del padre-agente Jorge. La rivoluzione blaugrana

Non solo il tormentone Messi, che ovviamente monopolizza l’attenzione dei media e dei tifosi, ma in questa calda estate la dirigenza del Barcellona è anche alle prese con il proprio programma di ringiovanimento della rosa: una vera rivoluzione visto che sono molti, e illustri, i calciatori che non rientrano nel progetto del nuovo tecnico Ronald Koeman. Arturo Vidal attende solo la lista gratuita per approdare a Milano, sponda nerazzurra, e mettere la propria firma in calce a un biennale da 6 milioni di euro annui. L’accordo, che sarà ufficializzato a breve, è stato agevolato dalla rinuncia del centrocampista cileno agli emolumenti relativi all’ultimo anno di contratto. Di conseguenza, il Barcellona gli ha concesso il via libera, a parametro zero, così come già fatto con il croato Ivan Rakitic che si è accordato con il Siviglia, da cui era arrivato a Barcellona nel 2014, per una cifra simbolica, 1.5 milioni di euro. Il piano blaugrana di cessioni coinvolge anche Luis Suarez, finito nel mirino della Juventus. L’attaccante uruguaiano, che pretende una buonuscita per l’anno di contratto che gli rimane, deve però prima risolvere il problema del passaporto comunitario, dato che non lo ha mai richiesto, per trasferirsi sotto la Mole Antonelliana.

LEGGI ANCHE –> Oroscopo, settimana dal 7 al 13 settembre | Previsioni per i segni zodiacali