Festini, in una villa del Bolognese, a base di droga e sesso con baby prostitute: 6 misure cautelari tra cui una a carico di un ex candidato della Lega

Droga e sesso con minorenni, ai domiciliari un ex candidato della Lega

Il nucleo operativo dei carabinieri della Compagnia Bologna Centro ha eseguito sei misure cautelari, per induzione alla prostituzione e reati in materia di stupefacenti, nei confronti di altrettante persone tra cui un avvocato e un agente immobiliare, noto tifoso virtussino nonché aspirante politico, Luca Cavazza, 27 anni, candidato per la Lega con Lucia Borgonzoni alle ultime elezioni regionali, che è stato ristretto ai domiciliari. Nel 2016, a 23 anni, Luca Cavazza, nella lista di Forza Italia, è stato in assoluto il più giovane candidato al Consiglio Comunale di Bologna. All’epoca suscitarono clamore la sua visita sulla tomba di Mussolini, a Predappio, e il post su Facebook: “Tutto quello che fu fatto non potrà essere cancellato. A noi!”.

LEGGI ANCHE –> Anche i figli di Berlusconi, Barbara e Luigi, positivi al Covid-19

Droga e sesso con ragazze minorenni, coinvolto anche un ex candidato della Lega. La testimonianza della minorenne  coinvolta

Secondo il portale fanpage.it, l’ipotesi investigativa su cui lavorano gli inquirenti è quella di un giro di ragazzine arruolate e condotte in un residence, tra Pianoro e Rastignano, nel Bolognese, di proprietà di Davide Bacci, costruttore edile, ora finito dietro le sbarre, dove ottenevano cocaina in cambio di prestazioni sessuali. L’indagine è scaturita dalla denuncia della madre di una delle ragazzine coinvolte che ha visionato dei video archiviati nella memoria dello smartphone della figlia. “A casa sua ho appreso che spesso si svolgono incontri per consumare cocaina e fare sesso tanto da essere conosciuta come “Villa Inferno”. Così mi aveva detto proprio Luca Cavazza quando mi aveva convinto a seguirlo. Arrivati a casa di Bacci, io avevo già appreso da Cavazza che ci saremo fatti una “fattanza”, cioé Bacci ci avrebbe dato della coca. Infatti appena arrivati a casa di Bacci io ho visto che c’era una decina di persone tra ragazzi e ragazze che stavano pippando“, la scioccante testimonianza di una 17enne, finora unica minorenne coinvolta in tale laido e squallido giro di prostituzione e droga identificata dagli inquirenti.

LEGGI ANCHE –> Valentina Vignali infuriata: “Questa è una cosa schifosa, lo denuncio”