Sono i social network i luoghi virtuali, in cui Vittorio Sgarbi e Alessandro Gassman si sono scontrati non mandandosele a dire sull’uso delle mascherine

Vittorio Sgarbi Alessandro Gassman
(Getty Images)

Scontro tramite social network tra Vittorio Sgarbi e Alessandro Gassman. Argomento di discussione è stato il provvedimento da parte del sindaco di Sutri riguardo l’utilizzo delle mascherine. L’attore ha duramente criticato l’ordinanza del primo cittadino del comune in provincia di Viterbo.

Queste le sue parole attraverso un messaggio pubblicato su Twitter. “Quando sei nel comune di Sutri, governato da cosetto nervosetto, e ti fanno la multa perché porti la mascherina fuori orario, a quale distanza devi stare per mandarlo affanculo?“.

LEGGI ANCHE —> Covid, Conte sotto accusa: studio 12 febbraio prevedeva almeno 35 mila morti

LEGGI ANCHE —> Covid, la Regione Toscana cerca medici per le scuole

Vittorio Sgarbi e Alessandro Gassman, scontro totale tramite social network sulle mascherine

Vittorio Sgarbi Alessandro Gassman
(Getty Images)

La replica da parte del critico d’arte non si è fatta attendere. Il parlamentare ha così contrattaccato tramite la sua pagina Facebook. “Il conformista Alessandro Gassman di suo padre non ha niente. E fatica a capire che portare la mascherina passeggiando da soli o con la propria moglie è una forma di demenza“, è l’affondo da parte del politico.

Sgarbi quindi ha aggiunto confermando appieno la sua posizione sull’utilizzo delle mascherine all’aperto e di conseguenza sulla sua decisione per la cittadina che amministra. “Non c’è niente di più contagioso di temere di contagiarsi soltanto quando si è finito di mangiare, a bocca aperta – ha proseguito –. Bisogna fingere come fanno gli attori. Una cosa è certa – ha concluso –: per andare a fare in culo è necessaria la mascherina perché non si rispettano le distanze“. Insomma si è trattato di un vero e proprio botta e risposta tra i due, i cui pensieri sull’utilizzo delle mascherine all’aperto è diametralmente opposto.