Impennata del dato dei nuovi positivi al Covid-19 nelle ultime 24 ore: 1367 nuovi casi contro gli 878 dell’altro ieri. Nel mondo sono oltre 814 mila le vittime

Coronavirus, bilancio 26 agosto

Robusta crescita del numero dei nuovi positivi al Covid-19: 1367 nelle ultime 24 ore, contro gli 878 dell’altro ieri, il dato più alto dagli inizi di maggio. Record anche per i tamponi processati, ben 95.529, più che triplicato il dato delle vittime, 13, per il relativo bilancio che sale a 35.458. Intanto è arrivata la prima stima certificata delle ricadute economiche della pandemia di Covid-19: nel secondo trimestre 2020, infatti, l’economia dell’Ocse, che riunisce i principali Paesi industrializzati, ha registrato un calo “senza precedenti”: -9,8% contro l’1,8% dei primi 3 mesi. Il dato, dovuto all’emergenza sanitaria e alle stringenti misure di contenimento del contagio dal Covid-19, fotografa, come hanno spiegato gli esperti dell’Ocse, “la più grande caduta del Pil mai registratasi nell’area Ocse, molto superiore al -2,3% del primo trimestre 2009, all’apice, quindi, della crisi finanziaria del 2008″. Nel dettaglio, in Italia la contrazione è stata del 12,4%, in Germania del 12%, in Francia del 13,8%, nel Regno Unito addirittura del 20,4%.

LEGGI ANCHE –> Naike Rivelli contro Caterina Collovati: “Maestrina frustrata!”

Covid-19, il bilancio nazionale del 26 agosto: 1367 contagiati! Oltre 814 mila vittime nel mondo

E’ salito a 814.216 il numero delle persone decedute nel mondo a causa della pandemia di coronavirus. E’ quanto si apprende dall’ultimo bilancio della France Presse basato sui dati ufficiali. Dall’inizio dell’emergenza sanitaria sono stati accertati più di 23 milioni di casi di contagio. Usa e Brasile i Paesi più colpiti: negli Stati Uniti il numero totale dei contagiati è a quota 5 milioni 773.766 e quello dei morti è pari a 178.347. In Brasile si registrano in totale 3 milioni 669.995 contagi e 116.580 decessi. “La pandemia ha messo in rilievo e aggravato i problemi sociali, soprattutto la disuguaglianza“, è il monito che Papa Francesco ha lanciato durante l’Udienza generale. “Questi sintomi di disuguaglianza rivelano una malattia sociale: è un virus che viene da un’economia malata, frutto di una crescita economica iniqua, questa è la malattia che prescinde dai valori umani fondamentali. Nel mondo di oggi pochi ricchissimi possiedono più di tutto il resto dell’umanità. E’ un’ingiustizia che grida al cielo!”, ha chiosato Francesco.

LEGGI ANCHE –> Test personalità, scopri tratti del tuo carattere guardando questa immagine