La Supercoppa europea, in calendario il 24 settembre a Budapest, si disputerà alla presenza del pubblico, fino al 30% della capienza dello stadio “Puskas Arena”: test per il ritorno dei tifosi

Supercoppa europea con pubblico

Appena tre giorni fa il Bayern Monaco di Hans Dieter Flick si è laureato campione d’Europa conquistando la Champions League, la sesta della storia, con la relativa finale quindi, disputatasi allo stadio “Da Luz” di Lisbona, che ha chiuso la tormentata, a causa della pandemia di Covid-19, stagione 2019-20. Ma è già tempo di programmare la prossima che verrà inaugurata dalla Supercoppa europea che verrà contesa dal Bayern Monaco, vincitore della Champions League, e dal Siviglia, giustiziere dell’Inter di Antonio Conte nell’ultimo atto dell’Europa League. Ebbene, la Supercoppa europea si disputerà il 24 settembre a Budapest, capitale dell’Ungheria, con un numero ridotto di spettatori, fino al 30% della capienza dello stadio, la “Puskas Arena“, che può ospitarne 67.800. Lo ha reso noto la Uefa che ha anche precisato come la sfida tra il Bayern Monaco e il Siviglia rappresenti un banco di prova per verificare l’impatto del pubblico sul Protocollo “Return to play“.

LEGGI ANCHE –> Covid-19, anche l’ex re della velocità Usain Bolt positivo

Calcio, Supercoppa europea con pubblico come test per il ritorno dei tifosi. Ceferin: “Senza tifosi il calcio ha perso fascino”

Il ritorno parziale del pubblico in occasione della Supercoppa europea è una buona notizia solo per i tifosi bavaresi e andalusi; non si illudano, dunque, i tifosi delle altre squadre che questo primo segnale di ritorno alla normalità ante-Covid-19 possa preludere nel breve tempo al via libera alla presenza del pubblico negli stadi in tutti i match. Infatti, come ribadito dalla Uefa, tutte le altre partite continueranno ad essere giocate a porte chiuse fino a diverso avviso. “Senza tifosi il calcio ha perso fascino, speriamo che la Supercoppa europea sia un test in vista del loro ritorno“, l’auspicio espresso dal Presidente della Uefa Aleksander Ceferin.

LEGGI ANCHE –> 2018VP1, l’asteroide che potrebbe colpire la Terra a novembre