Si ritiene che la scoperta nella Cina sud-occidentale possa essere la prima prova di “megapredazione” in cui animali enormi hanno mangiato altre grandi creature milioni di anni fa.

ittiosauro

Un antico rettile lungo quattro metri è stato trovato ben conservato nello stomaco di un carnivoro marino leggermente più grande, vissuto circa 240 milioni di anni fa.

Gli scienziati dicono che il fossile, che è stato scoperto nella Cina sud-occidentale, potrebbe essere la prima prova di megapredazione – un grande animale che preda un altro grande animale.

Leggi anche -> Vitello a due teste sconvolge un intero villaggio, “Mai visto niente di simile”

Si pensa che l’ittiosauro, lungo cinque metri, sia morto quasi immediatamente dopo aver consumato la sua preda. È possibile che si sia ferito mortalmente mentre cercava di mangiare un pasto così enorme che era grande quasi quanto il suo corpo.

I risultati sono stati descritti nella rivista iScience.

Gli ittiosauri, che sono anche rettili, sono creature simili a delfini che dominavano i mari circa 250-90 milioni di anni fa.

Anche se la forma dei loro denti smussati suggerisce che questi animali potrebbero essere stati in cima alla loro catena alimentare, ci sono poche prove dirette del tipo di preda che consumavano.

L’esemplare è stato scoperto per la prima volta nella provincia di Guizhou nel 2010, ma gli scienziati hanno impiegato un decennio per estrarre il fossile di ittiosauro e notare il “grande rigonfiamento” nell’addome.

ittiosauro megapredazione

Il dottor Ryosuke Motani, professore di Scienze della Terra e planetarie all’Università della California, negli Stati Uniti, e uno degli autori del documento ha dichiarato: “Abbiamo sempre intuito dalla forma dei denti e dal disegno della mandibola che questi predatori devono essersi nutriti di grandi prede, ma ora abbiamo prove dirette che l’hanno fatto“.

Leggi anche -> Scienziati creano “per sbaglio” un ibrido di pesce da due specie in via di estinzione

La preda in questione, un talattosauro – un rettile a forma di lucertola, lungo quasi quanto l’ittiosauro ma molto più magro.