Appello dell’Oms ai giovani di tutto il mondo: “Diffondete il divertimento, non il virus”

Appello ai giovani dell'OMS: "Diffondete il divertimento, non il virus"
Tedros Adhanom Ghebreyesus, Direttore Generale dell’OMS

Diffondete il divertimento, non il virus. Proteggete i vostri nonni e genitori. Nessuno è invincibile e anche se per voi il Covid-19 non è mortale, vi si attacca addosso come un tornado con una lunga coda“. E’ in sintesi che l’appello che Kluge, responsabile dell’Ufficio Europa dell’Organizzazione Mondiale della Sanità, ha rivolto ai giovani che sono attualmente il principale veicolo di trasmissione del letale virus cinese. L’epicentro della pandemia è l’America Latina anche se la Francia ha registrato ieri un nuovo balzo di contagi di coronavirus con 4.771 casi nelle ultime 24 ore. Lo ha reso noto la Direzione Generale della Sanità d’Oltralpe nel proprio bollettino quotidiano, citato dai media francesi. Il dato segna un nuovo record dalla fine del lockdown. Il bollettino riporta anche 12 nuovi decessi che fanno salire a 30.480 il bilancio delle vittime dall’inizio dell’epidemia. Complessivamente vengono accertati 26 mila casi al giorno in Europa, tuttavia, secondo l’OMS, “non siamo come a febbraio, siamo più capaci di colpire il virus“.

LEGGI ANCHE –> Coronavirus, il bollettino del 20 agosto: gli aggiornamenti dalle Regioni

OMS ai giovani: “Diffondete il divertimento, non il virus”. ISS-Ministero Salute: “Più focolai  e più giovani colpiti”

All’appello dell’Organizzazione Mondiale della Sanità si aggiunge il monito del Ministero della Salute e Istituto Superiore di Sanità al rispetto rigoroso delle misure di contenimento del contagio da Covid-19: “Con il nuovo aumento dei casi è fondamentale mantenere misure di precauzione“. Il Ministero della Salute e l’Istituto Superiore di Sanità hanno confermanto l’aumento per la terza settimana di seguito e stimato “una fase di transizione con tendenza al peggioramento“. Il 28,3% dei casi viene dall’estero e i focolai sono in aumento: 1077 attivi di cui 281 nuovi. Maggiormente colpiti i giovani, media di 30 anni, quasi tutti asintomatici. L’indice di trasmissione è pari a 0,83, stazionario al netto degli asintomatici e dei casi importati.

LEGGI ANCHE –> Coronavirus, la scoperta: un derivato fisiologico del colesterolo lo blocca!