Una 15enne, a Lignano Sabbiadoro, è stata stuprata in spiaggia la notte di Ferragosto: fermati 3 adolescenti italiani, non originari del posto

15enne stuprata in spiaggia: fermati 3 minorenni
15enne stuprata in spiaggia: fermati 3 minorenni

Un Ferragosto da dimenticare per una 15enne, originaria di Venezia, in vacanza con un gruppo di amici a Lignano Sabbiadoro: la notte di Ferragosto, approfittando di un momento in cui è rimasta sola in spiaggia, tre sconosciuti hanno avvicinato la ragazzina e due di loro, a turno, l’hanno violentata prima di far perdere le loro tracce disperdendosi nell’affollata località turistica. Al loro ritorno gli amici hanno trovato la ragazzina in lacrime: accompagnata all’Ospedale di Latisana, la 15enne è stata sottoposta agli accertamenti di rito, che hanno confermato la violenza subita, prima di essere dimessa con una prognosi di 15 giorni. Le sue condizioni cliniche non destano preoccupazioni anche se è comprensibilmente molto provata dal punto di vista psicologico.

LEGGI ANCHE –> Covid-19, Usa: prof a scuola dopo aver redatto il testamento

Lignano Sabbiadoro, 15enne stuprata in spiaggia: fermati 3 minorenni

La 15enne ha prontamente denunciato alla polizia la violenza subita, il che ha consentito, in poche ore, agli agenti della Squadra Mobile della Questura di Udine, grazie anche ai filmati delle videocamere di sorveglianza installate nella zona, di individuare e quindi fermare per accertamenti i presunti violentatori: secondo quanto di apprende dall’edizione on line del quotidiano “Il Mattino”, si tratterebbe di 3 minorenni italiani, non originari del luogo teatro della violenza. Dopo lo stupro della ragazzina, l’assessore regionale alla sicurezza, il leghista Pierpaolo Roberti, ha invocato la castrazione chimica per coloro che si macchiano di tale esecrabile reato.

LEGGI ANCHE –> Coronavirus, la decisione: il governo chiude le discoteche in tutta Italia