Coronavirus che colpisce anche i giovani. Ma che non risparmia nemmeno i bambini! La bimba sta migliorando

Coronavirus

Coronavirus che non risparmia i giovani. Ma che fa preoccupare adesso anche per i bambini! La notizia della bambina di 5 anni intubata in terapia intensiva è allarmante. Anche perché arriva in un momento in cui i casi stanno aumentando.

Con il governo costretto a prendere provvedimenti per limitare la movida, con i giovani che possono essere il veicolo principale della diffusione del virus. La speranza è che non debbano essere coinvolti anche i piccoli.

In quest’ottica spaventa la bambina di 5 anni finita in terapia intensiva dopo la scoperta della sua positività. E’ accaduto a Padova, con la piccola giunta in pronto soccorso per una grave insufficienza respiratoria. Adesso le sue condizioni sarebbero il leggero miglioramento.

–> Leggi anche Coronavirus, la decisione: il governo chiude le discoteche in tutta Italia

La piccola non soffriva di patologie pregresse. I medici preoccupati: il virus avrebbe colpito sangue e reni!

Coronavirus che non smette di preoccupare per i casi che aumentano. Ma adesso anche perché ad essere colpita è stata una bambina di 5 anni di Padova. La piccola non soffriva di patologie pregresse!

La preoccupazione dei medici arriva per un motivo: si tratta di una sindrome emolitico-uremica che avrebbe colpito sangue e reni! Ovviamente sono scattate tutte le misure di sicurezza del caso. Con familiari e parenti messi in isolamento.

La piccola viene tenuta sotto osservazione e sembra essere in miglioramento! Non si riesce a capire i collegamenti con i problemi ai reni ed al cuore. Se il collegamento con il virus SARS-CoV-2 dovrebbero essere confermati si tratterebbe di un primo caso al mondo!

Grande preoccupazione per la forte insufficienza respiratoria che ha portato al ricovero la bambina. Che come detto non soffriva di nessuna patologia pregressa.

–> Leggi anche Elvis è ancora vivo? A 33 anni dalla scomparsa spunta un’incredibile foto

Coronavirus

La speranza di medici e genitori è che possa uscire quanto prima dalla terapia intensiva. Ed arrivare alla guarigione!

–> Leggi anche Coronavirus, il bollettino del 16 agosto: gli aggiornamenti dalle Regioni