In Nuova Zelanda ci si chiede che il Coronavirus può essere trasmesso tramite i surgelati: ebbene uno studio fa emergere la verità

Coronavirus surgelati verità studio
(foto dal web)

Varie persone si chiedono se il Coronavirus possa essere trasmesso tramite i surgelati. La domanda è diffusa soprattutto in Nuova Zelanda per un motivo. Lì una famiglia è stata contagiata senza aver effettuato alcuno spostamento da un’isola libera dal Covid-19 da oltre cento giorni. A finire nel mirino sono quindi finiti alcuni alimenti, in quanto il capo famiglia lavora all’interno di una rivendita di una catena di stoccaggio e trasporto di surgelati alimentari Americold.

Nonostante ciò, una ricerca smentisce che questi prodotti possano infettare e anzi puntano il dito sulle confezioni che dovrebbero invece essere controllate con maggiore cura. Niente contagio per ingestione nonostante la resistenza dei virus a lungo alle basse temperature. Più probabilità invece di essere infettati contattando confezioni contaminate.

LEGGI ANCHE —> Coronavirus, Azzolina: “Mascherina si può abbassare se c’è distanziamento”

LEGGI ANCHE —> Coronavirus: negli Stati Uniti 56mila contagi e 1.500 morti in 24 ore!

Coronavirus, escluso il contagio tramite i surgelati ma attenzione alle confezioni

Coronavirus surgelati verità studio
(foto dal web)

Intervistata ai microfoni del ‘Corriere della Sera‘, Claudia Picozzi, ricercatrice del Dipartimento di Scienze per gli alimenti, la nutrizione e l’ambiente dell’Università di Milano, ha dichiarato. “Più che nel surgelato, se la via di contagio è stata davvero questa, molto probabilmente – ha sottolineato – il problema arriva dal packaging, magari di plastica, dove il virus ha un tempo si sopravvivenza piuttosto lungo piuttosto che dal prodotto alimentare“.

Per quel che concerne l’ingestione, non sarebbe stato provato che il Coronavirus possa essere trasmesso attraverso l’ingestione. Sarebbe invece nota la sua sopravvivenza al freddo e quindi potrebbe essere stato trasportato dall’America alla Nuova Zelanda. Da sottolineare che gli alimenti surgelati finiscono per essere cotti prima di essere mangiati. E questo processo fa sì che tramite il calore i virus vengano debellati. Si consiglia quindi la disinfezione delle superfici e il lavaggio delle mani a seguito del contatti con i prodotti.