Elisabetta Canalis senza veli per una buona causa: la showgirl si fa scattare una foto che lascia gli ammiratori senza parole

Elisabetta Canalis senza veli foto
(foto dal web)

Già in passato Elisabetta Canalis si fece ritrarre in foto senza veli. Ora l’ex Velina concede il bis per la gioia dei suoi tanti utenti che la seguono ogni giorno sui social network e sul web. Stavolta però la causa per cui la showgirl si è tolta tutti i vestiti è più che mai nobile. La donna ha fatto a meno degli abiti dimostrando nuovamente il suo animo buono e la sua generosità a favore degli esseri viventi più deboli.

Sta di fatto che la bella Elisabetta ha lasciato di stucco tutta la rete (e non solo) di fronte all’immagine che la ritrae come Madre Natura l’ha fatta. Una bellezza travolgente la sua, ancor di più in questo ultimo scatto. Una foto, come detto, senza veli ma non del tutto nuda. Infatti l’immagine in questione per la campagna di sensibilizzazione di Peta non è proprio del tutto senza vestiti.

LEGGI ANCHE —> Elodie regina dell’estate: Il costume maculato lascia vedere tutto-FOTO

LEGGI ANCHE —> Giovanna Civitillo in costume, la splendida FOTO incanta il web

Elisabetta Canalis senza veli (ma con un trucco) contro le pellicce di animali – FOTO

Elisabetta Canalis senza veli foto
(foto dal web)

La donna ha addosso dell’intimo creato appositamente per questa occasione. Si tratta quindi di uno scatto dall’indubbia eleganza che nasconde un motivo di fondo decisamente più importante. La foto è disponibile su ‘Elle‘, ma non si tratta di una vera e propria immagine inedita. Il relativo scatto è stato pubblicato in una precedente campagna Peta Meglio Nuda che in Pelliccia che appunto invita le persone a non indossare pellicce di animali.

Elisabetta Canalis senza veli foto
(foto Twitter @Stilopolis)

La stessa Elisabetta ha spiegato in un lungo messaggio all’Italia che “non è possibile produrre pellicce in modo etico” in quanto ogni capo è “rubato a un essere vivente terrorizzato – ha proseguito – che ha trascorso una vita miserabile rinchiuso in un’angusta gabbia di filo metallico prima di essere annegato, fulminato, gassato o scuoiato vivo“.