Mascherine, pacchi alimentari e servizi per l’ospitalità a favore della famiglie dei piccoli pazienti oncologici del nosocomio pediatrico “Santobono-Pausilipon”

Napoli, mascherine e pacchi alimentari ai pazienti dell'Ospedale pediatrico "Santobono"
“Santobono-Pausilipon”, l’ospedale pediatrico di Napoli

La forza della solidarietà a sostegno delle fragilità acuite dall’emergenza Covid-19: sono state consegnati mascherine, bandane, pacchi alimentari e servizi di ospitalità ai dirigenti ed al personale dell’AORN Santobono-Pausilipon di Napoli che provvederanno a distribuirli alle famiglie dei piccoli pazienti oncologici ricoverati presso il suddetto nosocomio pediatrico. Alla consegna hanno preso parte l’associazione “Raggi di Sole” con la presidente Lucia Lodi e Giovanna Albano; l’assessore alle Politiche Sociali del Comune di Napoli Monica Buonanno e la dirigente dell’Area Welfare Natalia D’Esposito, il presidente dell’A.B.B.A.C. Agostino Ingenito, il personale e la dirigenza dell’AORN Santobono-Pausilipon. La donazione è il frutto del progetto LAMETAMORFOSI ideato dall’Associazione Raggi di Sole, impegnata nel sostegno e nell’assistenza alle persone malate di tumore ed ai loro familiari. Al progetto iniziale si sono poi aggiunti, in un crescendo solidale davvero commovente, il Comune di Napoli, la CNA Salerno presieduta da Lucio Ronca, l’Associazione Bed&Breakfast ed affittacamere Campania e Officina Grafica di Battipaglia. Il progetto LAMETAMORFOSI è stato lanciato per la Festa della Mamma. In quell’occasione l’Associazione “Raggi di Sole”, con una donazione minima, ha offerto un’originale t-shirt disegnata dall’artista Antonio Boffa. Il disegno illustrava simbolicamente l’idea progettuale, ispirata da una frase di Lao Tzu, “Quello che il bruco chiama fine del mondo, il resto del mondo chiama farfalla”, con l’intento di unire due pensieri in un’unica direzione. Una magnifica illustrazione e un messaggio chiaro che porta in giro, attraverso il corpo delle donne, una grande emozione: grazie a una semplice farfalla si è raccontata per immagini una storia che è entrata nei cuori alleviando per un attimo il senso di paura e regalando un sorriso ai bambini in terapia oncologica.

LEGGI ANCHE –> Coronavirus: il Cts voleva chiusure per zone, ma arrivò il lockdown totale

Napoli, mascherine, pacchi alimentari e servizi di ospitalità a favore delle famiglie dei piccoli pazienti oncologici del “Santobono”

A questo crowdfunding iniziale, che già aveva superato il primo obiettivo di raccolta fissato, si sono generosamente aggiunti altri soggetti istituzionali, imprenditoriali ed associativi: il Comune di Napoli, con il Vicesindaco Enrico Panini, ha donato 40 pacchi alimentari; il presidente dell’ A.B.B.A.C. Agostino Ingenito ha garantito ospitalità a condizioni di grande favore alle famiglie dei malati oncologici; la CNA Salerno, presieduta da Lucio Ronca, i cui artigiani della moda Carmen Lazzarini, Valentina Biancullo e le sorelle Di Lascio, coadiuvate dalla coordinatrice di CNA Salerno Simona Paolillo, hanno donato 300 mascherine. L’ Associazione “Raggi di Sole”, con la presidente Lucia Lodi e Giovanna Albano, grazie alle tante donazioni e il supporto della CNA, ha assicurato che il ricavato verrà utilizzato, in collaborazione con l’A.B.B.A.C., per finanziare i servizi di pernottamento alle famiglie dei bambini in cura. La donazione è stata ricevuta dal Direttore sanitario del Presidio, dott. Nicola Silvestri, da dirigenti e personale dell’AORN Santobono-Pausilipon e dalla Direttrice della Fondazione Santobono, dott.ssa Flavia Matrisciano.

LEGGI ANCHE –> Mara Venier, il pesante lutto che l’ha colpita: una sofferenza fortissima!