Dato delle infezioni in crescita e in Belgio è già arrivata la seconda ondata dell’epidemia di Covid-19 secondo il locale Istituto di Sanità

Coronavirus, è già arrivata la seconda ondata in Belgio
Coronavirus, è già arrivata la seconda ondata in Belgio

Quello che molti, tra virologi, esperti e politici, temono, una seconda ondata della pandemia di Covid-19, forse è già realtà in Belgio. “E’ chiaro che è arrivata la seconda ondata di Covid-19“. L’annuncio, ripreso dalla stampa locale ed internazionale, è del Presidente del Comitato scientifico Covid-19 dell’Istituto di Sanità belga. “Il numero di infezioni è in crescita e non è un piccolo aumento, ha dichiarato Steven Van Gucht, non sappiamo quanto durerà e quanto saliranno le curve“. Tuttavia, ha specificato che “la nuova ondata potrebbe non avere conseguenze drammatiche: le misure messe in atto dal Consiglio di Sicurezza Nazionale possono funzionare”.

LEGGI ANCHE –> Bonus ristorante: rimborso del 20% su carta di credito con il Decreto Agosto

Covid-19, in Belgio è arrivata la seconda ondata. In Italia lieve ripresa dei contagi

Per il momento in Italia la situazione sembra sotto controllo ma proprio il Belgio insegna che non bisogna mai abbassare la guardia anche perché se scendono a 5 le vittime del Covid-19 nelle ultime 24 ore rispetto alle 12 di lunedì, 35.171 da inizio epidemia, risale, anche se leggermente, il contagio: sono 190 i casi accertati ieri, lunedì sono stati 159, la metà dei quali è stata registrata in Lombardia ed Emilia Romagna, per il relativo bilancio complessivo che sale a 248.419. Secondo i dati aggiornati del Ministero Salute, attualmente sono positive 12.482 persone mentre restano stabili a 41 i ricoveri in terapia intensiva. 177 i guariti nelle ultime 24 ore per un totale di 200.766 (+48). Tre le Regioni che non hanno fatto registrare nuovi casi di positività al virus cinese. Intanto viene segnalato un nuovo focolaio in un’azienda nel Mantovano.

LEGGI ANCHE –> Coronavirus, attenzione alle mascherine: solo un tipo riduce il contagio!