Fase 3: nella regione più colpita dall’emergenza l’obbligo di mascherine nei luoghi chiusi rimarrà fino a settembre

Coronavirus

Fase 3: nella regione più colpita d’Italia ci sono delle regole da rispettare che rimarranno ancora in vigore per qualche mese. Il governatore della Lombardia Attilio Fontana ha firmato una nuova ordinanza che conferma l’utilizzo della mascherina nei luoghi chiusi.

Provvedimento che resterà in vigore fino al 10 di settembre. La mascherina dovrà essere portata sempre dalle persone che scendono da casa. Perché dovrà essere indossata anche nei luoghi all’aperto che non consentono il distanziamento.

Ma non c’è solo la questione relativa alla mascherina nell’ordinanza di Fontana. Rimarrà in vigore anche l’obbligo della misurazione della temperatura a tutti i lavoratori sui posti di lavoro. Ma anche ai clienti dei ristoranti.

Il limite consentito resta quello del 37,5. Qualora di dovesse andare oltre a questo limite, scatterebbero tutti i controlli necessari. Anche se sarebbe un buon comportamento non scendere da casa con una febbre già pari a 37.

–> Leggi anche Coronavirus, il bollettino del 31 luglio: gli aggiornamenti dalle Regioni

Nell’ordinanza si apre alla possibilità di occupare tutti i posti disponibili nei mezzi pubblici

Fase 3: il governatore Fontana nella sua ordinanza ha portato all’attenzione anche l’aspetto che riguarda i mezzi pubblici. Che soprattutto a Milano rappresentano il principale mezzo di trasporto per il lavoro.

In tutti questi mezzi si potranno nuovamente occupare tutti i posti a sedere. Ovviamente si entrerà con la mascherina obbligatoria. Via il limite del 50% dei posti quindi. Anche se questa decisione è stata accolta con qualche perplessità dagli addetti ai lavori.

In quanto non consentirebbe un distanziamento giusto a tutti i viaggiatori. Nei taxi, come nei viaggi in auto personali, dovrà invece rispettarsi il distanziamento. Solo in caso di congiunti questo limite potrà essere superato.

–> Leggi anche Saldi: da domani al via in tutta Italia, stimato calo di spesa tra 40-50%

Fase 3

Nell’ordinanza di Fontana si regolano anche le celebrazioni religiose al chiuso: il limite resta quello di 350 persone, aumentabile in luoghi più spaziosi.

–> Leggi anche Coronavirus: spiagge in crisi a luglio, folla soltanto nei weekend