A Quiet Place – Un posto tranquillo Parte 2 e Top Gun: Maverick sono entrambi in ritardo ancora una volta, mentre la Paramount cerca di preservare le loro uscite cinematografiche nonostante la pandemia in corso di COVID-19.

top gun

Entrambi i film sono ora previsti per il 2021, con A Quiet Place – Un posto tranquillo Parte 2 in uscita il 23 aprile e Top Gun: Maverick il 2 luglio, le cui uscite erano previste rispettivamente il 6 settembre e il 23 dicembre di quest’anno, a seguito di precedenti ritardi legati al coronavirus.

I due sono solo gli ultimi di una serie di film che hanno visto i loro piani di uscita completamente rivoltati a causa della pandemia di coronavirus. Proprio questa settimana Tenet di Christopher Nolan e il remake live-action Mulan della Disney sono stati ritardati a tempo indeterminato, e anche altri film, tra cui il nuovo James Bond e Peter Rabbit 2, hanno avuto le date di uscita posticipate.

Leggi anche -> Mulan, ancora un altro ritardo per il film in uscita della Disney

Poiché la pandemia ha sconvolto l’industria cinematografica, gli studi cinematografici hanno apparentemente dovuto affrontare una decisione difficile: ritardare i loro film o rinunciare alle uscite cinematografiche a favore dell’uscita in streaming.

Leggi anche -> Netflix, in arrivo un costosissimo film con Ryan Gosling e Chris Evans

Disney ha adottato quest’ultimo approccio per alcuni dei suoi film, tra cui Artemis Fowl e Hamilton, che sono andati direttamente alla Disney Plus, ma i presidenti della Paramount della distribuzione nazionale e internazionale, Chris Aronson e Mark Viane, hanno dichiarato che la società voleva preservare l’esperienza cinematografica.

top gun

Crediamo davvero che non ci sia un’esperienza cinematografica come quella che si vive nelle sale“, hanno detto Aronson e Viane in una dichiarazione riportata da Variety. Tuttavia, con un costo di produzione stimato di oltre 150 milioni di dollari per il sequel di Top Gun, il fatto di aver tenuto duro per la vendita dei biglietti avrà indubbiamente avuto un ruolo nella decisione della Paramount, come per altri studi cinematografici.