Una recente TAC ha rivelato che una donna egiziana di nome “Meritamun” mummificata con la bocca spalancata aveva depositi di placca nei vasi sanguigni.

Meritamun

Una donna egiziana mummificata con la bocca spalancata potrebbe essere morta di infarto.

La mummia fu scoperta nel 1881 a Deir el-Bahari, un complesso tombale vicino alla città di Luxor.

Il nome “Meritamun” era scritto sulle sue bende, ma gli archeologi non sono ancora sicuri di chi fosse, dato che nell’Antico Egitto c’erano diverse principesse con quel nome.

Meritamun era bassa (poco meno di un metro e mezzo di altezza) e i suoi denti erano pieni di carie, con alcuni molari marciti fino all’interno.

Una recente TAC del suo cadavere ha rilevato una diffusa aterosclerosi – depositi di placca grassa nei vasi sanguigni.

Questa nuova scoperta ha portato gli egittologi a credere che possa essere morta per un grave attacco di cuore all’età 50 anni.

Leggi anche ->  Joe Exotic: “Voglio riportare in vita la tigre dai denti a sciabola”

Tuttavia, l’aterosclerosi può anche causare ictus o un blocco irreversibile di un vaso sanguigno cerebrale, quindi la causa della morte non è del tutto certa non è certa.

Alcuni esperti ritengono che la ragione per cui la sua bocca è rimasta spalancata sia perché è morta da sola e non è stata trovata per diverse ore, quando è iniziato il rigor mortis, che le ha bloccato la mascella in un urlo congelato.

Tuttavia altri sono scettici riguardo questa teoria, poiché la mummificazione ha richiesto fino a 70 giorni e il rigor mortis dura solo poche ore.

È molto più probabile che le bende intorno alla mascella non fossero semplicemente abbastanza strette per tenere la bocca chiusa, perché tende a scivolare in una posizione aperta se lasciata a se stessa“, ha dichiarato a Gizmodo Andrew Wade, un ricercatore della Western University.

Non è raro che gli egiziani venissero mummificati con la bocca aperta, questo perché i legamenti della mandibola si rilassano dopo la morte. Sebbene le bende in genere tengano la bocca chiusa, spesso si allentano nel corso di migliaia di anni.

Meritamun è stata trovata accanto a un’altra “mummia urlante” che è stata identificata come Pentawere, figlio di Ramesse III, costretto al suicidio dopo aver partecipato a un complotto per assassinare il proprio padre, il faraone.

Pentawere, la cui bocca è stata anch’essa lasciata aperta, è stato mummificato malamente, avvolto in una pelle di pecora invece che in un telo di lino e i suoi organi non sono stati asportati.

Meritamun

Al contrario, a Meritamun è stata data una mummificazione accurata che porta gli esperti a credere che non sia morta in disgrazia come Pentawere.

Tuttavia il suo corpo è stato conservato in una posizione insolita con le gambe piegate e incrociate alle caviglie, dando ulteriore prova della teoria che non è stata trovata fino a poche ore dopo la sua morte.

Leggi anche -> Scienza: Un gene mutato del Neanderthal rende le persone più sensibili al dolore

I ricercatori pubblicheranno le loro scoperte in un prossimo numero dell’Egyptian Journal of Radiology and Nuclear Medicine.