Attenzione a non commettere questi errori comuni quando decidete di iniziare una dieta scegliendo ad esempio di farne una senza carboidrati

Dieta senza carboidrati perdere peso errori
(foto dal web)

In una dieta senza carboidrati c’è il rischio di incorrere nel famigerato effetto yo-yo, ovvero detto anche a fisarmonica o ciclicità del peso. Si tratta del dimagrimento durante la dieta seguito alla ripresa dei chili persi o magari anche di qualcuno in più. Quali sono dunque gli errori da evitare per non incappare nell’effetto yo-yo? Uno è quello di saltare i pasti. È credenza comune digiunando si dimagrirà prima.

Niente di più sbagliato, in quanto saltando uno dei pasti principali si verificherà una carenza di zuccheri. Questa farà sì che il nostro cervello farà aumentare la fame nel pasto successivo. Inoltre ciò rallenterà il nostro metabolismo e farà calare i liquidi, il tessuto muscolare e soltanto dopo il grasso del corpo che riprenderemo quando ricominceremo a consumare del cibo regolarmente.

LEGGI ANCHE —> Dieta del gelato, come perdere fino a 3 chili in una settimana

LEGGI ANCHE —> La dieta delle “Star” per perdere 9 kg in pochissimo tempo

Dieta senza carboidrati non fa dimagrire ma può far ingrassare

Dieta senza carboidrati perdere peso errori
(foto dal web)

Arriviamo quindi alla convinzione di eliminare i carboidrati. Un’altra convinzione diffusa è quella che togliendoli completamente dalla nostra dieta si dimagrirà più rapidamente. Anche in questo caso ciò non corrisponde al vero. Cancellare i carboidrati significa perdere energie, tessuto muscolare nonché rallentare il nostro metabolismo. Fondamentale invece è alimentarsi con cereali integrali, patate e legumi che consentono di rifornirsi di energie costantemente e prolungatamente.

Inoltre ciò scongiura sbalzi nel livello di zuccheri nel sangue. Stesso discorso se scegliamo di eliminare i grassi. Anche questi ultimi sono importanti e non devono essere eliminati dalla nostra dieta. Ovviamente questi devono essere inseriti in maniera oculata. Da scegliere quindi i cosiddetti grassi buoni, quelli cioè nell’olio extravergine d’oliva, nel pesce o nella frutta secca.