Il Comitato del Consiglio di Sicurezza dell’ONU ha detto che il gruppo terroristico sta usando la pandemia per raggrupparsi mentre l’Occidente è “indebolito e distratto”.

isis onu

L’ISIS sta approfittando del coronavirus per riorganizzarsi e potrebbe lanciare attacchi una volta allentati i blocchi, ha avvertito le Nazioni Unite.

Un rapporto inviato ai membri del Consiglio di Sicurezza delle Nazioni Unite avverte che il gruppo terroristico potrebbe prendere di mira i nemici mentre sono “indeboliti e distratti“.

L’organizzazione terroristica sta sfruttando le lacune nella sicurezza causate dal Covid-19 per riorganizzarsi e pianificare una “punizione divina” in Occidente.

Il Comitato del Consiglio di Sicurezza dell’Onu ha detto che gli attacchi sono “aumentati significativamente all’inizio del 2020 rispetto allo stesso periodo del 2019” prima della pandemia.

Leggi anche -> Coronavirus, Speranza: “Quarantena per chi arriva da Romania e Bulgaria”

Gli analisti della sicurezza temono anche che una recessione globale possa aiutare l’ISIS a reclutare nuovi membri, con una serie di attacchi che danno fiducia al gruppo in Iraq e in Siria.

Il rapporto delle Nazioni Unite afferma: “L’impatto della pandemia del coronavirus (COVID-19) sul terrorismo è variato tra zone di conflitto e zone non di conflitto e tra minacce a breve e lungo termine.

I gruppi stanno usando l’epidemia per far progredire la propaganda e la raccolta di fondi e, in alcune regioni, stanno cercando di trarre vantaggio dalla percezione che l’attenzione delle forze di sicurezza sia dirottata altrove”.

E aggiunge: “Allo stesso tempo, la pandemia ha reso più difficili i viaggi oltre confine e gli obiettivi più elusivi, e il ritmo operativo degli attacchi è rallentato in alcune regioni.

“Se la pandemia dovesse portare a una grave recessione globale, la comunità internazionale potrebbe trovarsi di fronte a un ulteriore problema nella lotta contro il terrorismo e i fenomeni estremisti”.

Leggi anche -> Coronavirus, il 18 marzo Giornata Nazionale in ricordo delle vittime

Nonostante l’opportunità per l’organizzazione terroristica di riorganizzarsi, la crisi del coronavirus ha avuto un impatto sui potenziali obiettivi della stessa.

L’ONU ha dichiarato: “Con gli incontri pubblici scoraggiati e i locali chiusi, ci sono pochi obiettivi a disposizione dei terroristi che cercano di intraprendere attacchi ispirati all’ISIL.

“Questo evidenzia i limiti operativi dell’ISIL da quando ha rinunciato alla sua capacità operativa esterna.

isis onu

“Gli Stati membri ritengono che il gruppo abbia aumentato l’urgenza con cui sta cercando di ricostituire tale capacità, sebbene non vi siano ancora prove che ci sia riuscito”.