E’ drammatico il bilancio dello scontro, sulla statale Barletta-Andria, tra un furgone ed una bici elettrica: 3 giovani vite spezzate

Scontro tra furgone e bici elettrica: 3 giovani vite spezzate
Scontro tra furgone e bici elettrica: 3 giovani vite spezzate

Tragedia sulla strada statale 170 nel tratto che collega Barletta ad Andria, le due città co-capoluogo della provincia BAT: un furgone, per causa ancora in corso di accertamento, ha investito una bici elettrica con a bordo tre ragazzi ammazzandoli. Uno aveva 19 anni ed era di Barletta così come il secondo mentre il terzo, un 17enne andriese, è stato inizialmente trasportato in codice rosso e ricoverato in prognosi riservata all’ospedale “Bonomo” di Andria dove, purtroppo, è deceduto qualche ora dopo per le conseguenze delle gravissime ferite riportate nell’incidente. Anche il conducente del furgone è stato accompagnato in ospedale per accertamenti mentre le due persone che viaggiavano con lui a bordo del furgone, con cui si stavano recando a lavoro, sono state interrogate in caserma a Barletta per aiutare gli investigatori a ricostruire la dinamica dell’incidente.

LEGGI ANCHE –> Coronavirus: è presente nelle acque marine? La risposta degli esperti

Bari, scontro furgone e bici elettrica: 3 giovani morti. Il cordoglio del sindaco di Barletta

Anche se ha prestato soccorso ai tre giovani travolti ed uccisi, che viaggiavano su una bici elettrica a centro della carreggiata ed a luci spente, il conducente del furgone è indagato per omicidio stradale, tuttavia l’iscrizione nel registro degli indagati, hanno specificato gli inquirenti della Procura della Repubblica di Trani, è un atto dovuto a garanzia dell’indagato che si è dimostrato collaborativo. “Non ci sono parole per esprimere il sentimento di dolore per la morte dei tre ragazzi nell’incidente avvenuto sulla statale 170. Ai loro familiari, che stanno vivendo una tragedia immane, giunga il cordoglio mio personale e di tutta la città di Barletta. Ragazzi troppo giovani per morire e per questo voglio dire ai loro coetanei: state attenti, siate prudenti“, così, come riportato dal portale ilgazzettinodelmezzogiorno.it, ha commentato la tragedia Cosimo Cannito, sindaco di Barletta, città di cui erano originari due delle tre giovani vittime.

LEGGI ANCHE –> Coronavirus, i raggi ultravioletti lo annientano in pochi secondi