Fermato dai carabinieri un 30enne: ha ucciso il padre e la madre al culmine di un litigio per futili motivi. Il giovane ha confessato il duplice omicidio

Ha ucciso il padre e la padre: fermato un 30enne
Ha ucciso il padre e la padre: fermato un 30enne

Ha ucciso il padre, Pierfrancesco Ferrero, e la madre, Giuseppina Valetti, rispettivamente di 69 e 60 anni, poi si è allontanato dalla scena del crimine ma è stato fermato ieri sera, mentre vagava senza meta, a Collegno, in provincia di Torino, in stato confusionale e con le mani lorde di sangue. Lo hanno reso noto i carabinieri che lo hanno bloccato e poi sottoposto ad interrogatorio presso la caserma di Rivoli nel corso del quale il fermato, Daniele Ferrero, 30 anni, affetto da problemi psichiatrici, ha confessato il duplice omicidio. Secondo gli investigatori, il giovane ha usato un coltello da cucina per colpire i genitori nell’abitazione in cui viveva con loro a Mirafiori, sempre in provincia di Torino. Tuttavia, le indagini del Nucleo Investigativo del Comando Provinciale dei carabinieri del capoluogo sabaudo sono tuttora in corso per risalire al reale movente del duplice omicidio.

LEGGI ANCHE –> Covid-19, Save the children: “10 milioni di bambini senza scuola”

Torino, ha ucciso il padre e la madre: fermato un 30enne. Forse un litigio tra genitori e figlio all’origine del duplice omicidio

Come anticipato nel primo paragrafo, gli inquirenti e gli investigatori sono al lavoro per stabilire il movente di tale duplice efferato omicidio. Al momento l’ipotesi più accreditata è quella di un litigio, scoppiato per futili motivi, tra genitori e figlio al culmine del quale quest’ultimo li avrebbe accoltellati. Dopo il delitto, il 30enne è rimasto qualche ora in casa per poi iniziare a vagabondare a bordo dell’auto della madre. I militari dell’Arma lo hanno rintracciato intorno alle 23.30 di ieri a Collegno, come anticipato, sporco di sangue e in stato confusionale.

LEGGI ANCHE –> Coronavirus: “I pipistrelli rappresentano l’arma per uccidere il virus”