Coronavirus, follia dagli Usa: un trentenne ‘sfida’ il virus ritenendo falsa l’emergenza. Ma muore dopo pochi giorni

Coronavirus

Coronavirus: ennesima storia di follia che arriva dall’America. Che conferma una ‘tendenza’ stupida ed ignorante che purtroppo si verifica anche in altri paesi. Con le teorie dei ‘complottisti’ che spopolano soprattutto sui social, tanti cittadini mettono in pratica comportamenti errati.

Minimizzando un problema, anche a volte ignorandolo. Mettendo in atto comportamenti sbagliati che mettono in pericolo non solo la salute personale, ma anche quella degli altri. Ci riferiamo in modo particolare ai cosiddetti ‘covid party’.

Che vanno in scena in molti paesi al mondo. Ma che purtroppo spopolano negli Usa. Si tratta di feste alla presenza di centinaia di persone che hanno come scopo principale la negazione dell’emergenza nei vari paesi.

Con zero rispetto delle distanze di sicurezza, zero mascherine e soprattutto violazione delle norme anti assembramento. Moda che viene perseguita soprattutto dai giovani. Che si sentono invincibili e non toccati dalla malattia.

–> Leggi anche Coronavirus: positivo si allontana dall’ospedale e va in un acquapark!

Il trentenne di San Antonio, in Texas, dopo aver capito l’errore confessa ad un infermiera di aver sbagliato

Coronavirus: l’ennesima storia di ordinaria follia arriva da San Antonio, in Texas. Dove un trentenne partecipa ad uno dei covid party che vanno in scena negli Usa. Lo scopo è negare l’esistenza della malattia e dell’emergenza.

Ma dopo pochi giorni il giovane si ammala. Gravi problemi respiratori, purtroppo non ce la fa. La malattia in forma grave lo posta al decesso in poche ore. Il trentenne, poco prima di morire, confessa ad un infermiera di aver compiuto un gesto davvero irresponsabile.

Quando però è troppo tardi ed il pentimento che serve a poco o nulla. Dopo la morte del ragazzo è arrivato l’appello di Jane Appleby, dottoressa del Methodist Hospital: “Non bisogna commettere l’errore di sottovalutare questo virus”.

–> Leggi anche Coronavirus, stato d’emergenza: si ipotizza il 31 ottobre

Coronavirus

“Bisogna indossare la mascherina lavarsi le mani e rispettare tutte le regole di sicurezza. Stando anche a casa quanto possibile evitando rischi inutili”.

–> Leggi anche Milano, giovane accoltellato su un autobus da una gang di latinos