In arrivo dal 14 luglio nuove misure di sicurezza per contrastare l’emergenza Coronavirus per quanto riguarda mascherine, controlli e divieti

Coronavirus nuove misure di sicurezza dal 14 luglio quali
(Getty Images)

A partire dal 14 luglio entreranno in vigore le nuove misure di sicurezza per contrastare l’emergenza Coronavirus. I nuovi provvedimenti riguarderanno mascherine, controlli e divieti. Coloro che credono che l’epidemia sia superata e che si stia andando verso la totale normalità si dovranno ricredere. Il presidente del Consiglio Giuseppe Conte ha intenzione di estendere lo stato d’emergenza per tutto il 2020. Inoltre dopodomani andranno in atto le nuove disposizioni per circoscrivere ulteriormente l’espansione dei contagi di Coronavirus. L’esecutivo intende prorogare alcuni divieti e aumentare i controlli, vista la nascita di nuovi focolai in giro per l’Italia.

Questi provvedimenti dovrebbero essere validi dal 14 luglio, al momento della scadenza delle misure che sono attualmente in atto. Ad esempio vi è la possibilità che le discoteche al chiuso non riaprano. A questo servirebbe la proroga dello stato d’emergenza, vale a dire a rendere legittima un’ulteriore un’ulteriore limitazione delle libertà personali. Stando a quel che riferisce il ‘Corriere della Sera‘, rimarrebbe l’obbligo di tenere la mascherina nei posti chiusi nonché quello di sanificazione dei locali. Resterebbe in vigore poi il divieto di assembramenti, unito a controlli ulteriormente intensificati.

LEGGI ANCHE —> Ricciardi: “Il coronavirus durerà anni, Stato di Emergenza indispensabile”

LEGGI ANCHE —> Coronavirus, Ilaria Capua: “Sono ottimista. Seconda ondata? Dipende da noi”

Coronavirus, martedì l’annuncio delle nuove misure di sicurezza dal 14 luglio

Coronavirus nuove misure di sicurezza dal 14 luglio quali
(Getty Images)

Per quanto concerne la prevenzione, sara ancora consentita la misurazione della temperatura corporea e la possibilità di rendere disponibile gel disinfettante per le mani. No invece ai guanti, giudicati potenzialmente pericolosi in caso di utilizzo errato. Si dovranno anche lasciare le proprie generalità. Per quel riguarda poi le discoteche al chiuso, non è escluso lo slittamento delle riaperture a fine luglio. Resterebbe in dubbio la ripartenza di sagre e feste di paese.

Le nuove disposizioni saranno rese note nel corso della giornata di martedì al Parlamento da Roberto Speranza. Inoltre il ministro della Salute ha già annunciato la lista l’elenco dei paesi, dai quali non si può giungere in Italia. Stiamo parlando di Armenia, Bahrein, Bangladesh, Kuwait, Oman, Bosnia Erzegovina, Macedonia del Nord, Moldova, Brasile, Cile, Panama, Perù e Repubblica Dominicana. Sarà obbligatoria la quarantena di 2 settimane per coloro che provengono dagli Stati Uniti, nazione con il maggior numero di contagi.