Coronavirus, la conferma che si attendeva arriva da uno studio dagli Usa: i bambini trasmettono poco la malattia!

Coronavirus

Coronavirus: la notizia che arriva dagli Usa era già stata anticipata anche in Italia. Con alcune supposizioni da parte di scienziati e pediatri. Ma adesso sembra esserci una conferma con lo studio americano sui bambini. E sulla loro ‘contagiosità‘.

Benjamin Lee e William V. Raszka sono specialisti in malattie infettive pediatriche presso l’Università del Vermont. E il loro studio è stato pubblicato sulla rivista Pediatrics, portando alla luce una verità che in tanti si aspettavano.

I bambini non solo sono molto resistenti al contagio del virus e nella maggior parte dei casi vengono colpiti in forma lieve. Ma hanno anche una bassa carica virale che lascia tranquilli non solo i loro coetanei ma anche gli adulti.

Gli studi condotti dai due specialisti si sono soffermati su casi in tutto il mondo. Non solo dalla Cina e dagli Usa ma anche in Europa. Tutti i numeri hanno portato alla stessa conclusione.

–> Leggi anche Coronavirus, il bollettino del 10 luglio: i dati aggiornati dalle Regioni

I due specialisti americani adesso auspicano la riapertura al più presto delle scuole e ridare gli spazi ai bambini

Coronavirus: la scoperta di Benjamin Lee e William V. Raszka è molto importante. E se confermata in tutti i paesi, potrebbe rappresentare davvero la svolta per la scuola. Con tanti bambini che potrebbero affrontare in maniera diversa dai grandi le eventuali crisi.

Ma la cosa che più incoraggia è il dato sul contagio che resta minore e che non da tante preoccupazioni. Con i genitori che in molti casi non si sono nemmeno accorti della positività dei loro figli. Sintomi lievi per loro e nessun contagio a rischio per gli adulti.

–> Leggi anche Kazakistan: allarme per una nuova polmonite più mortale del coronavirus!

Coronavirus

Una situazione che mette al sicuro tutti, grazie alla carica virale non elevata. Ma prima di arrivare a decisioni affrettate, si studierà a fondo la teoria per decidere.

–> Leggi anche Coronavirus, quali azioni espongono maggiormente al contagio: la lista