Duro colpo al clan camorristico dei “Senese” attivo a Roma: 28 arresti tra cui il fratello della senatrice Pd Monica Cirinnà

Sgominato il clan camorristico dei "Senese": 28 arresti tra cui il fratello della senatrice Cirinnà
Sgominato il clan camorristico dei “Senese”: 28 arresti tra cui il fratello della senatrice Cirinnà

Sgominato il clan camorristico dei “Senese” attivo a Roma: il blitz della Guardia di Finanza del Comando Provinciale della capitale e della Squadra Mobile della Questura di Roma, coordinato dalla Direzione Distrettuale Antimafia della Procura della Repubblica di Roma, ha portato all‘esecuzione di 28 ordinanze di custodia cautelare a carico di altrettanti esponenti del clan. I destinatari delle suddette misure cautelari dovranno rispondere, a vario titolo, delle accuse di estorsione, usura, riciclaggio, reati aggravati dal metodo mafioso che “andava agevolando la galassia della camorra campana“. Il boss Michele Senese, pur agli arresti, gestiva gli affari tramite “pizzini” furtivamente consegnati ai familiari durante i colloqui, in particolare  al figlio Vincenzo e alla moglie Raffaella Gaglione. Le indagini hanno evidenziato come Roma fosse diventata il nodo nevralgico per tessere relazioni e stabilire contatti con tutto il territorio nazionale, controllare le attività illecite e convogliare gli ingenti profitti ricavati in settore economici in cui è più facile investire denaro contante, quindi non tracciabile.

LEGGI ANCHE –> Emilia Clarke, la star del Trono di Spade di nuovo nuda nel suo prossimo film

Roma, decapitato il clan camorristico dei “Senese”. Tra gli arrestati anche il fratello della senatrice Cirinnà

Vincenzo Senese, 43 anni, è stato arrestato in un resort di lusso in Salento. Si trovava in una struttura da cinquemila euro a settimana. Vincenzo Senese, che, secondo gli inquirenti, “curava” gli interessi della famiglia a Roma e non solo, spendeva migliaia di euro a settimana in strutture di lusso e ristoranti stellati. Fra i 28 destinatari dell’ordinanza di custodia cautelare figura anche Claudio Cirinnà, fratello della senatrice del Pd Monica, del tutto estranea alla vicenda e nota per le sue battaglie civili a favore della comunità LBGT. L’uomo in passato è stato coinvolto in un’inchiesta su traffico di carburante fra vari Paesi europei.

LEGGI ANCHE –> Johnny Depp in tribunale: “La mia prima volta con le droghe è stata a 11 anni”