Dopo il Premier britannico, anche Jair Bolsonaro, Presidente del Brasile, lo Stato sudamericano più colpito dalla pandemia di covid-19, ha contratto il virus cinese

Il Presidente del Brasile Jair Bolsonaro ha contratto il Covid-19
Il Presidente del Brasile Jair Bolsonaro ha contratto il Covid-19

Secondo contagiato eccellente dal coronavirus. Dopo il Premier del Regno Unito Boris Johnson, che ha sconfitto il virus dopo un ricovero ospedaliero ed è tornato nella pienezza dei propri poteri di governo, anche Jair Bolsonaro, Presidente del Brasile, il Paese più colpito dal Covid-19 in America Latina, ha contratto il famigerato virus cinese. Era stato lo stesso Bolsonaro ad annunciare di avere 38 di febbre e una saturazione di ossigeno nel sangue del 96%. Aveva anche precisato che stava assumendo idrossiclorochina e che la febbre era diminuita. Sottoposto a test, è risultato positivo. Ha annullato tutti gli impegni istituzionali. Nel frattempo i contagiati nel gigante sudamericano ammontano a 1,6 milioni mentre le vittime sono quasi 65 mila che fanno del Brasile il nuovo epicentro della pandemia.

LEGGI ANCHE –> Emilia Clarke, la star del Trono di Spade di nuovo nuda nel suo prossimo film

Brasile, il Presidente Jair Bolsonaro ha il Covid-19. Ghebreyesus: “Virus può colpire tutti”

Tra gli auguri di pronta guarigione inviati al Presidente del Brasile Bolsonaro anche quelli di Tedros Adhanom Ghebreyesus, Direttore Generale dell’Organizzazione Mondiale della Sanità, che ne ha approfittato per sottolineare che “il virus può colpire tutti“.  Anche perché, come evidenziato dallo stesso Ghebreyesus nel corso del consueto briefing con la stampa, “l’epidemia sta accelerando e non abbiamo ancora raggiunto l’apice della pandemia. Ci sono volute 12 settimane perché il mondo raggiungesse 400 mila casi di Covid-19. Ma ora, nell’ultimo week-end, ci sono stati più di 400 mila casi in tutto il mondo. In tutto contiamo 11,4 milioni di casi e oltre 535 mila vite perse”. Ragion per la quale ha anche annunciato l’invio in Cina di un team di esperti per studiare l’origine animale del virus.

LEGGI ANCHE –> Coronavirus, l’ONU: “Presto altre pandemie se non si protegge l’ambiente”