Coronavirus, sono 21 i positivi ai tamponi: dalla Regione Lazio esultano per aver “disinnescato una bomba”

Coronavirus

Coronavirus: il bilancio dei positivi ai tamponi Dacca-Roma salgono a 21. E’ questo al momento il numero che comunicano dalla Regione Lazio. E’ Alessio D’Amato, responsabile dell’emergenza nella regione, a fare il punto della situazione.

In ambito regionale, ma anche governativo, c’è soddisfazione per aver bloccato quella che viene definita come “bomba virale”. Che avrebbe potuto scatenare centinaia di contagi su tutto il territorio.

Alessio D’Amato fa sapere che tutti i passeggeri del volo proveniente dal Bangladesh sono stati sottoposti a test per verificarne lo stato di salute. Trattandosi di un paese a rischio l’ordinanza del governatore Zingaretti ha evitato di sicuro la creazione di focolai sul territorio.

Le operazioni al momento non sono terminate. Si attendono i risultati dei tamponi dei passeggeri provenienti da Dacca e sbarcati ieri all’aeroporto di Fiumicino.

–> Leggi anche Conte in conferenza stampa: dl semplificazione approvato, tutte le novità

La comunità del Bangladesh a Roma ha dato massima collaborazione per le operazioni di controllo sanitario

Coronavirus: tempismo d’azione perfetto per la Regione Lazio che ha disinnescato una vera bomba virale. Con il controllo accurato di tutti i passeggeri del volo Dacca-Roma si è dimostrato come gli interventi preventivi e strutturati siano capaci di evitare criticità.

Intanto in queste ore si è tenuto un incontro tra gli esponenti dell’Asl di Roma e i membri della comunità del Bangladesh nella capitale. Con la massima collaborazione da parte di tutti i cittadini che si sono resi conto della situazione.

Accettando alcune restrizioni per i positivi, con l’isolamento domiciliare e la quarantena che si rende necessario. Con queste capillari operazioni si potranno evitare di correre rischi di contagi in futuro.

–> Leggi anche Coronavirus, Crisanti: “Avremo una sfida da superare nei prossimi mesi”

Coronavirus

Nessun problema quindi da parte della comunità del Bangladesh che ha offerto massima collaborazione capendo i motivi di alcune restrizioni e quarantene.

–> Leggi anche Silvia Romano: “Per me il velo è simbolo di libertà”