Svolta nelle indagini sull’anziana donna uccisa in casa a Jesi, in provincia di Ancona: fermato un 25enne affetto da problemi psichiatrici

Jesi, anziana donna uccisa in casa: fermato un 25enne
Jesi, anziana donna uccisa in casa: fermato un 25enne

Un venticinquenne è stato arrestato per omicidio volontario e tentato omicidio per l’aggressione in casa a una coppia di anziani a Jesi, in provincia di Ancona, degenerata nell’uccisione della donna 69enne colpita con un frammento di vetro alla gola. Il marito della vittima è in prognosi riservata all’ospedale Torrette di Ancona. Il 25enne, subito dopo l’aggressione, si è dato alla fuga ma è stato sorpreso questa mattina ferito e ancora insanguinato in un parco vicino dai carabinieri: aveva tagli alle mani. Il giovane, in cura per problemi psichiatrici, è stato portato in arresto nel reparto di psichiatria dell’ospedale di Jesi ed è piantonato.

LEGGI ANCHE –> Il Coronavirus è mutato: adesso ne circola una versione più contagiosa

Jesi, fermato un 25enne per anziana donna uccisa. La dinamica

Come riferisce l’edizione on line “Il Resto del Carlino”, è stato Italo Giuliani, 74 anni, marito della vittima, Fiorella Scarponi, 69 anni, a raccontare agli inquirenti come lui e la moglie Fiorella siano stati sorpresi nel sonno dal giovane che dopo aver sfondato la porta finestra al piano terra avrebbe sferrato un fendente colpendo al collo la donna e ferendo anche il marito. Il 25enne, che abita con la madre nella stessa zona dell’anziana coppia, è affetto da disturbi psichiatrici ed era per questo “attenzionato” dalle forze dell’ordine come ha reso noto il Comandante Provinciale dei Carabinieri, il Colonnello Christian Carrozza: “Stiamo verificando i problemi psichiatrici, se fosse in cura e da quanto tempo”. Sembra che già in passato avesse tentato di entrare in altre abitazioni. In ogni caso non ha cercato di rubare nulla, per questo il Comandante dei carabinieri ha parlato di un’aggressione “fine a se stessa” e quindi senza movente.

LEGGI ANCHE –> Coronavirus, 1 paziente su 10 potrebbe non recuperare l’olfatto e il gusto