Non si sa quale sarà il destino di Che tempo che fa e di Fabio Fazio: all’interno della Rai sembra che non abbiano le idee chiare

Che tempo che fa destino Fabio Fazio
(Getty Images)

Secondo alcune indiscrezioni riferite da ‘LiberoQuotidiano.it‘, per Che tempo che fa ci sarebbero stati contatti tra Fabio Fazio e il direttore di Rai 3. La proposta di quest’ultimo sarebbe quella di fare ritorno al terzo canale con forse una seconda puntata il lunedì. Si è vociferato anche di un varietà sulla storia della televisione che sarebbe andato in onda durante la successiva stagione.

In questo modo si sarebbe blindato Fazio grazie a un nuovo contratto. Tuttavia a causa delle nuove regole introdotte e richieste dall’ad, Fabrizio Salini, sul tetto al 30% di personaggi della stessa scuderia in una trasmissione televisiva, tutto si sarebbe bloccato. Non sarebbe ancora chiaro se il provvedimento sia retroattivo, vale a dire valido per i contratti già in vigore.

LEGGI ANCHE —> Fabio Fazio sabotato: “Adesso parlo io”

LEGGI ANCHE —> Burioni da Fazio: “C’è una speranza, vi spiego qual è”

Che tempo che fa e Fabio Fazio, giallo in casa Rai

Che tempo che fa destino Fabio Fazio
(Getty Images)

Tuttavia sarebbe certo che sarebbe valevole per i nuovi contratti. Uno nuovo sarebbe fondamentale per il trasferimento di Fazio a Rai 3. In questo momento quindi con i regolamenti attuali il passaggio a una diversa rete sarebbe impossibile per il conduttore. Sarebbe invece possibile una nuova edizione di Che tempo che fa su Rai 2. Un’ipotesi che però non sarebbe gradita a tutti.

Insomma, stando a ‘TvBlog.it‘, la Rai si sarebbe messa al muro. Per uscirne sarebbe necessario un passo indietro da parte di tutti i soggetti in causa. La soluzione per Fazio potrebbe essere quella di rimanere per un’altra stagione a Rai 2 mettendo fine di fatto alla sua parabola a viale Mazzini. Ovvero la Rai potrebbe trovare una via d’uscita per trasferirlo con un contratto di due anni su Rai 3, attraverso una nuova seconda serata, derogando tuttavia al tetto del 30 percento. Un mistero che però non sembra stare per essere risolto.